Il Palajuvara di Messina veste il taraflex

La palestra Juvara, da ieri, ha un nuovo “volto” grazie all’importante partnership avviata diversi mesi fa tra il Comitato Provinciale di Messina della Fipav e il Comune. La struttura, infatti, è stata ulteriormente migliorata e arricchita con la collocazione, sul parquet, della pavimentazione in taraflex utilizzata in occasione della sfida di World League tra le nazionali di Italia e Francia.

La città dello Stretto, dopo aver ospitato negli ultimi anni importanti eventi sportivi di carattere internazionale, può adesso usufruire dell’eredità lasciata da queste manifestazioni. L’amichevole tra le nazionali di pallavolo dell’Italia e della Bulgaria, nell’agosto 2010, ha permesso di rafforzare la struttura del PalaRescifina-palestrina, mentre dopo la sfida tra Italia e Francia dello scorso giugno, valevole per la World League 2011, a trarne beneficio è stata, come detto, la Juvara. La nuova e morbida pavimentazione rende, così, la palestra di via Placida più elegante ed attrezzata, un vero e proprio salto di qualità che apre le porte ad eventuali progetti ambiziosi.

Il Comitato provinciale di Messina, sempre attento all’intero movimento pallavolistico, si è reso subito disponibile per questa nuova iniziativa in favore della città. L’installazione del taraflex è un segnale importante e rappresenta un prezioso aiuto per le squadre messinesi che utilizzano l’impianto, salvaguardando ulteriormente la salute e la forma fisica degli atleti.

La superficie, infatti, è un’autentica garanzia di sicurezza e comfort, grazie alle sue caratteristiche di assorbimento degli urti, attrito uniforme, anti-abrasione ed estrema giocabilità. Inoltre, il taraflex, non richiede particolari manutenzioni e ciò, quindi, riduce i costi di gestione.

La sfida del Comitato provinciale messinese è continuare a investire nelle strutture cittadine e la possibilità di ospitare, a Messina, altri eventi di livello nazionale e internazionale, potrebbe portare ulteriori e significativi benefici anche ad altri impianti della città.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin