Mauro Pastorello uccide il regista Mauro Curreri

L’uomo di 39 anni stava lavorando in uno studio di audiovisivi in via Watt 5, è stato ucciso a colpi di pistola da Mauro Pastorello, 53 anni, capitano in congedo dell’esercito, residente a Padova. L’uomo, vestito con un’uniforme dell’esercito con i gradi di maggiore, dopo una lite ha esploso alcuni colpi da una pistola calibro 22 contro il regista, ferendolo a morte. Pare che prima tra i due ci sia stata una colluttazione, perché anche l’ufficiale è rimasto ferito. Mauro Pastorello aveva collaborato con la vittima nel film “Gli Eroi di Podrute”, uscito nel 2005. Un film per il quale nessuno era stato pagato: un’abitudine per il regista, come denunciato anche dall’inviato di “Striscia la notizia” Moreno Morello. È probabile che Pastorello sia entrato nel teatro di posa per chiedere il pagamento di una somma. Da qui sarebbe derivato il litigio sfociato in tragedia.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin