L’Italia è in vendita i cinesi pronta a comprarla

Il presidente della China Investment Corporation Lou Jiwei ha condotto a Roma una delegazione di investitori del suo Paese. Il Tesoro non commenta né smentisce l’ indiscrezione che Lou abbia incontrato, fra gli altri, anche il ministro dell’Economia Giulio Tremonti. La delegazione cinese avrebbe poi avuto dei colloqui con i vertici della Cassa depositi e prestiti. L’agenda romana della China Investment Corporation (Cic) dà la misura dell’ interesse del più grande investitore asiatico per l’ Italia. Cic si alimenta in parte delle riserve della banca centrale della Repubblica popolare, che ha in gestione un patrimonio di circa 3.200 miliardi di dollari. E al Tesoro Lou Jiwei ha senz’altro parlato dell’ ipotesi di acquistare titoli di Stato italiani. Fin dalla visita di Grilli a Pechino in agosto, i cinesi avevano concordato sul fatto che gli attuali prezzi molto bassi in linea di principio fossero attraenti. Anche con la Cassa depositi e prestiti le discussioni sono state probabilmente molto articolate. Da anni il presidente della Cdp, Franco Bassanini, è impegnato in una campagna per coinvolgere i grandi fondi sovrani asiatici negli investimenti in infrastrutture e nei servizi di pubblica utilità in Italia. L’interesse cinese può dunque risultare importante anche per futuri piani di privatizzazione di società di servizi pubblici locali in Italia. Resta da vedere quale sarà l’impatto sui mercati. In passato, delegazioni di Pechino avevano visitato sia la Grecia che il Portogallo.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin