Fermo, tariffe agevolate per trasporto pubblico locale, contributi per studenti, lavoratori e pensionati

Un contributo per i titoli di viaggio a tariffa agevolata, rivolto a diverse categorie sociali economicamente più svantaggiate come studenti, lavoratori a basso reddito e pensionati. La decisione della Giunta provinciale di Fermo rientra in una programmazione incentrata da un lato ad incrementare l’utilizzo del trasporto pubblico locale, dall’altro al raggiungimento di uno sviluppo sostenibile anche attraverso il miglioramento della mobilità, ma serve soprattutto ad alleviare il peso economico alle famiglie. Questi i contributi stabiliti:- 30% ai lavoratori dipendenti la cui situazione economica equivalente (ISEE) sia inferiore al limite di € 13.000 (categoria regionale F) sull’acquisto di abbonamenti mensili, limitatamente al percorso dalla residenza abituale al luogo di lavoro;- 20% ai lavoratori dipendenti la cui situazione economica equivalente (ISEE) sia compresa tra il limite inferiore di € 13.000 ed il limite superiore di € 20.000, sull’acquisto di abbonamenti mensili, limitatamente al percorso dalla residenza abituale al luogo di lavoro;
– 25% ai pensionati che abbiano compiuto i 65 anni di età, la cui situazione economica equivalente (ISEE) sia inferiore al limite di € 6.500 (categoria regionale C1);- 20% ai pensionati che abbiano compiuto i 65 anni di età, la cui situazione economica equivalente (ISEE) sia compresa tra il limite inferiore di € 6.500 ed il limite superiore di € 13.000 (categoria regionale C2).- 20% agli studenti, se secondo figlio, sull’acquisto di abbonamenti annuali, urbani e/o extraurbani, per l’anno scolastico 2011/12, limitatamente al percorso dalla residenza abituale alla scuola.- 50% agli studenti, se terzo e quarto figlio, sull’acquisto di abbonamenti annuali, urbani e/o extraurbani, per l’anno scolastico 2011/12, limitatamente al percorso dalla residenza abituale alla scuola.“Questa scelta – dichiara il Vice Presidente e Assessore ai Trasporti Renzo Offidani – è perfettamente in linea con il nostro programma di mandato e segue le iniziative già avviate per i periodi 2009/2010 e 2010/2011, che hanno avuto un grande riscontro da parte di studenti appartenenti a famiglie numerose, lavoratori dipendenti e pensionati.In un contesto di crisi economica e finanziaria, la Provincia di Fermo con questa iniziativa cerca di venire incontro alle famiglie, agevolando la fruizione dei servizi di trasporto pubblico locale che ha dimostrato, tramite la società partecipata, di saper gestire con grande capacità ed efficacia. In un momento in cui ogni giorno le Province sono messe sotto accusa, questa iniziativa è una testimonianza dell’utilità, anche sociale, di questo Ente”.

Luca D’InnocenzoLa Scansione.net