Taurianova, si è costituito il latitante Pasquale Zagari

Si è costituito ai Carabinieri della Compagnia di Taurianova, Pasquale Zagari, 49enne pregiudicato, ricercato dall’aprile scorso dopo essere stato condannato dalla Corte di Appello diReggio Calabria a un anno e sei mesi di reclusione per rapina aggravata dalle modalità di intimidazione mafiosa. Zagari, dopo l’arresto, è stato trasferito nel carcere di Palmi. L’ordine di carcerazione, che risale allo scorso 8 aprile 2011, è scattato al termine dell’iter processuale che ha visto il rigetto del ricorso in Cassazione e quindi l’applicazione della condanna. In quell’occasione furono arrestati, il 9 aprile, altri protagonisti delle stesse vicende: Michele Reitano, 55 anni, Luigi Asciutto (41) quest’ultimo fermato a Ventimiglia e Gerardo Galluccio (49) arrestato a Melicucco il 16 aprile dopo un breve periodo di latitanza. La condanna che deve scontare Zagari, trae origine dai fatti che lo vedono coinvolto e perseguiti con l’indagine “Repetita Iuvant” del 2001, condotta dai Carabinieri di Taurianova, con la quale furono accertati gravi reati, connessi nel panorama delinquenziale che ha caratterizzato il centro abitato di Taurianova negli anni ’90, in particolare estorsioni ai danni di commercianti della zona, aggravate perché poste in essere con modalità di tipo mafioso. Anche la posizione di Zagari era stata perseguita dagli investigatori in un contesto molto più ampio che poi era confluito nell’indagine che, agli inizi del 2005, permise ai Carabinieri di arrestare 12 persone, con altrettante ordinanze di custodia cautelare e di deferirne altre 60 in stato di libertà. In tale contesto furono importanti le dichiarazioni di alcuni collaboratori di Giustizia che permisero di costruire un quadro probatorio forte, capace di essere giudicato idoneo a sostenere le accuse nei tre gradi di giudizio. In quella circostanza, come si era delineato anche con altre indagini, vennero stabiliti dei collegamenti criminali consolidati che legavano consorterie di diverse zone, capaci di andare quindi oltre il singolo contesto cittadino e di dimostrare la loro strategia unitaria. Venne in questo modo confermato il connubio tra lecosche specie quelle attive nel territorio della Piana di Gioia Tauro. Dalla lettura dell’Ordinanza di Custodia cautelare del 2005 emerge uno spaccato sulla Taurianova della fine anni ’90 particolarmente cruento, durante il quale vengono ripercorsi omicidi, consumati e tentati, estorsionie altri reati commessi con l’uso delle armi. Tra gli episodi anche uno inerente la costituzione di un gruppo di fuoco per attentare alla vita di esponenti di rilievo della cosca avversaria, cosa poi non attuata per l’intervento dei militari. Da allora per gli interessati è cominciato il percorso giudiziario, che in questo caso, per Zagari, si è concluso con la condanna ad 1 anno e 6 mesi di reclusione.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin