Adàmu ed Eva

Prìma u cumìncia ‘stu mùndu e ‘stu ‘mpèrnu

esìstia sùlu ‘u Paràdisu e l’etèrnu Patratèrnu

Nu’ jòrnu mèntri passìava ‘ntò giardinu sùlu

dìssi vògghjiu a ‘nc’ùnu ‘ntò mùndu u mi cunzùlu

Cùsi ‘ncì vìnni nu’ làmpu di pinzàta

e du’ palàccu fìci na’ bèlla ‘mpastàta

‘Ncì fìci ‘a tèsta i màni e i pèdi

ma dòpu criatu no’ mìsi subìtu all’impèdi

Prìma u dàsso u dòrmi nò a càsu

e pòi ‘ncì dèzi u fhjàtu ‘nte bùchi du nàsu

Siccòmi no’ hàvia dessìri n’infàmu

còmu prìmu òmu ‘u chjàmo Adàmu

Dòpu pòcu jòrna Adàmu du ripòsu si lamènta

cà vòli ‘nta vìta a ‘nc’ùnu u si turmènta

Allùra ‘u Patatèrnu ‘u fìci addurmintàri

e nà custàta si mìsi a sciuppàri

Di st’òssu nìsciu Eva na’ fimmìna tùtta a nùda

chi mangiàva sùlu ‘a mègghju frùtta crùda

‘U Patatèrnu ‘ncì dìssi tùttu putìti mangiàri

trànni chìji pùma chi su arrèdi e ficàri

Ma Eva cà èra na’ fimmìna curiùsa

sùtta a stù arbìru vàci tradimèntusa

Ca’ tròva nu’ serpènti chi ‘ncì ‘mbìta stù pùmu

di rùssu culùri e cu’ tàntu profùmu

Di chìju chi ti dissìru no’ è vèru nènti

ca’ si ‘ndì màngi no’ mòri ma divènti putènti

Adàmu apprèssu ‘a Eva chjùsi l’òcchji

e dòpu chi ‘ndì màngio pìgghjio capòcchi

Tùtti e dùi fùru testàrdi e scustumàti

e cùsi du Paradìsu fùru caccìati

I pèni pì Eva fùru u parturìsci cu’
dulùri

pì’ Adàmu u zàppa sudàndu a tùtti l’ùri

Hàvi di chìju jòrnu chi l’òmu no’ tròva abbèntu

di quàndu ‘ncì dìssi fàmmi nà fimmìna u su cchjù cuntèntu.

Adamo ed Eva

Prima che incominciasse questo mondo e questo inferno

esisteva solo il Paradiso e l’Eterno Padre Eterno

Un giorno mentre passeggiava nel giardino solo

ha detto voglio a qualcuno in questo mondo per consolarmi

Cosi gli è venuto un lampo di pensata

e del fango ha fatto una bella impastata

Gli ha fatto la testa le mani i piedi

ma dopo creato non lo ha messo subito in piedi

Prima l’ha lasciato a dormire non per caso

e poi gli ha dato il fiato nei buchi del naso

Siccome non doveva essere un infame

come primo uomo lo ha chiamato Adamo

Dopo pochi giorni Adamo del riposo si lamenta

perché vuole nella vita a qualcuno per tormentarsi

Allora il Padre Eterno lo ha fatto addormentare

e una costola gli ha strappato

Di quest’osso è nata Eva una femmina tutta nuda

che  mangiava la migliore frutta cruda

Il Padre Eterno gli ha detto tutto potete mangiare

tranne quelle mele che sono dietro i fichi

Ma Eva che era una femmina curiosa

sotto questo albero va traditrice

Qui trova un serpente che gli invita questa mela

di rosso colore e con tanto profumo

Di quello che ti hanno detto non è vero niente

perché se ne mangi non muori ma diventi potente

Adamo dietro ad Eva chiuse gli occhi

e dopo che ne ha mangiato ha preso capocchie

Tutte e due furono testardi e maleducati

e cosi dal Paradiso furono cacciati

Le pene per Eva furono di partorire con dolore

per Adamo zappare sudando a tutte le ore

È da quel giorno che l’uomo non trova pace

da quando disse fammi una femmina per essere più contento

La creazione dell’uomo  in vernacolo Calabrese  in chiave ironica per riflettere sull’umanità, una poesia da leggere e rileggere…