Catania, Vanessa Laura Torrisi urta contro il bidet e muore

Ancora malasanità al Sud. Un caso per certi versi assurdo Una ragazza di appena 22 anni è morta a seguito di un banale incidente domestico. Si è seduta sul bidet, ma ha sbattuto la zona sacrale contro il rubinetto procurandosi un grosso ematoma. Così è morta Vanessa Luisa Torrisi, 22 anni, deceduta all’ospedale Garibaldi di Catania dopo sei giorni di coma. Adesso i suoi genitori lanciano un appello ai magistrati perchè verifichino le eventuali responsabilità. Vanessa Luisa era una ragazza corpulenta e l’urto le ha causato un’edema che non si è più riassorbito. La ragazza, nata in Argentina, era a Belpasso per assistere la sorella Nancy Paola che stava per partorire. Nancy Paola si è sposata con un siciliano e si è trasferita da diversi anni in provincia di Catania, mentre i genitori, di origini italiane ma nati in Argentina, continuavano a vivere in Sud America. L’incidente è avvenuto a fine giugno, a casa di Nancy Paola Torrisi, e dopo qualche giorno Vanessa Luisa, che non riusciva nemmeno a sedersi, è stata portata all’ospedale Cannizzaro di Catania. “Per due volte – spiega la sorella – è stata visitata al pronto soccorso. Le hanno detto di mettere il ghiaccio e le hanno fatto un’iniezione di antidolorifico. Ci hanno detto che non c’era nessun problema, che poteva tornare a casa”. Ma la situazione peggiorava continuamente. Quindi con l’ambulanza è stata prima ricoverata all’ospedale di Paternò e poi al Garibaldi dove Vanessa Luisa è stata sottoposta a un intervento chirurgico durante il quale le è stata asportata la parte di pelle e muscoli andata in necrosi. Ma non c’è stato nulla da fare. “Voglio giustizia per mia figlia – dice il padre che ha denunciato il fatto ai carabinieri – era una ragazza sana, non posso accettare che sia morta così. Chi ha sbagliato deve pagare”. L’azienda ospedaliera Garibaldi di Catania specifica che la giovane è giunta nel nosocomio in gravissime condizioni dopo essere passata dall’ospedale di Belpasso. I medici hanno subito operato la paziente ma tutti gli sforzi fatti per salvarle la vita sono stati vani.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin