Testamentu i ‘nu vecchju

Nu  jornu passandu ‘nta ‘na via a nu’ puntuni

mi chjama nu’ vecchju subba a nu’ cantuni

Mi dissi:” Fermati cu’ mia nu’ mumentu

e scrivi pì tutti ‘stu testamentu”

“Suggnu nu’ vecchju ormai abbandunatu

‘nta vecchjaia ormai cunsumatu

Cu’ capiji d’argentu e vastuni

ca’ di l’anchi no’ su’ cchjù patruni

Allura penzu a quand’eru virdi e putenti

e puru quandu havia tutti i denti

‘Na’ vota putia a tutti quanti sintiri

Mo’ puru aricchji mi dassinu jiri

L’occhji ‘ncì su ma no’ ‘mbalinu nenti

puru ca’ usu du’ para di lenti

I duluri i l’ossa mi cunzumaru

e arridiri è sempi cchjù amaru

ristai sulu cu’ tanti pinzeri

io chi ormai no’ tornu cchjù arredi

A tutti vui dassu ‘stu testamentu

vuliti beni in ogni mumentu

Ca’ sulu c’amuri si diventa putenti

e pì quandu murimu no’ dassamu cchjù nenti”.

Testamento di un vecchio

Un giorno passando in una via a un angolo

mi chiama un vecchio sopra un gradino

Mi ha detto:” Fermati con me un momento

e scrivi per tutti un testamento”“

‘’Sono un vecchio ormai abbandonato

nella vecchiaia già consumato

Con capelli d’argento e bastone

perché delle gambe non sono più padrone

Allora penso a quando ero verde e potente

e pure quando avevo tutti i denti

Una volta potevo a tutti quanti sentire

adesso pure le orecchie mi abbandonano

Gli occhi ci sono ma non servono niente

pure che uso due paia di lenti

I dolori delle ossa mi hanno consumato

e il sorriso e sempre più amaro

Sono rimasto solo con tanti pensieri

io che ormai non torno più indietro

A tutti voi lascio questo testamento

voletevi bene in ogni momento

Solo con l’amore si diventa potente

perché quando moriamo non lasciamo più niente.

In questa poesia la descrizione dei disagi di un anziano al tramonto della sua vita. L’uomo avanti negli anni si racconta e alla fine lascia un testamento virtuale ai giovani: l’amore il volersi bene, il rispetto. Questi sono valori per cui vale la pena vivere, di tutto il resto tirate le somme non rimane più nulla…

2 pensieri riguardo “Testamentu i ‘nu vecchju

  • 7 agosto 2011 in 07:03
    Permalink

    e’ la saggezza tipica delle persone anziane che dopo una vita di esperienze varie e non sempre felici si rendono conto che cio’ che ha piu’ valore per l’umanita’ e’ solo L’amore,in tutte le sue sfaccettature, il sentimento piu’ nobile che ci eleva e ci da le piu’ grandi gioie

  • 7 agosto 2011 in 07:07
    Permalink

    Buona Domenica e complimenti alla nostra lettrice per la considerazione.
    La Redazione

I commenti sono chiusi