Sara, tracce di sangue sull’auto di zia Mimina

I carabinieri del Ris di Roma hanno rilevato una traccia ematica nell’auto di Cosima Serrano, la zia di Sara.  Sarebbe proprio questa la ragione per cui solo due giorni fa, i carabinieri hanno notificato a Michele Misseri, a sua figlia Sabrina, alla moglie Cosima Serrano e a Carmine Misseri e Cosimo Cosma, fratello e nipote del contadino di Avetrana, un avviso di accertamenti tecnici non ripetibili nell’ambito delle indagini sull’omicidio della quindicenne assassinata il 26 agosto 2010. I difensori dei cinque indagati, insieme con i consulenti tecnici di parte, sono stati convocati per domani nella sede del Ris di Roma per “attività tecniche biologiche di natura non ripetibile sul materiale in reperto”. Gli indagati dovranno effettuare la comparazione del Dna con quello della traccia ematica rilevata nell’auto di Cosima. L’accertamento tecnico è stato richiesto dal pubblico ministero Mariano Buccoliero che, insieme al collega, il procuratore aggiunto Pietro Argentino, conduce l’inchiesta sull’omicidio della piccola Sara. Il nuovo esame affidato al Ris arriva dopo la chiusura dell’inchiesta. Alla fine di luglio, infatti, erano state depositate presso la cancelleria del gup del tribunale di Taranto le richieste di rinvio a giudizio per 13 dei 15 indagati nell’ambito dell’inchiesta sul delitto di Avetrana. L’udienza preliminare sarà fissata probabilmente per la fine del mese di agosto.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin