Gioia Tauro, impegno della Provincia per il rigassificatore

Per il rigassificatore di Gioia Tauro qualcosa si muove: l’Autorità portuale, infatti,  ha ricevuto tutte le integrazioni tecniche richieste dal Consiglio superiore dei Lavori Pubblici per il progetto  della “Lng Medgas”, società titolare dell’iniziativa che fin dal dicembre 2009, con la Conferenza dei servizi convocata in quella data dal Ministero delle attività produttive, aveva completato  l’iter procedurale,  così come previsto  dalle leggi vigenti. Anche il Sottosegretario Misiti è stato sollecitato per imprimere un’accelerazione sulla “determina” di competenza Mse, di concerto con Infrastrutture ed Ambiente, ultimo atto di un iter concluso da due anni e mezzo, ma fondamentale per procedere con il decreto che darebbe il via ai cantieri che valgono 1000 miliardi di euro di investimenti privati e 600 addetti da impiegare nella gestione dell’opera e nei servizi necessari al funzionamento del terminale.  Il presidente della Provincia Giuseppe Raffa, preoccupato per la situazione di degrado economico  in cui versa l’area della Piana, considerato che la Lng ha consegnato gli elaborati che teneva in stand by il progetto,  interviene  per ricordare che l’operazione “rigassificatore fino al 2009 ha mantenuto la tabella di marcia concordata  dal management di LNG Medgas  con i sindacati territoriali e nazionali  e con gli Enti locali,  così come previsto dopo il  via libera ottenuto dal ministero dell’Ambiente (17 settembre 2008). All’epoca alla Lng non sembrò un azzardo ipotizzare di poter concludere le procedure entro dicembre 2009 e già da gennaio 2010, esaurite le pratiche divulgative, compresa l’informazione alla popolazione e la conferenza dei servizi, si presentò al Ministero dello sviluppo economico per ottenere il decreto che avrebbe formalizzato l’apertura dei cantieri. Ma non è andata così perché le difficoltà burocratiche legate all’interpretazione delle molte leggi che hanno riguardato sia gli aspetti urbanistici che normativi degli impianti di rigassificazione, con particolare attenzione alla sicurezza delle opere, hanno obbligato Ministeri ed Enti interessati ad approfondimenti legali e tecnici che hanno richiesto tempi lunghi”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin