Roma, De Rossi giura fedeltà eterna al club giallorosso

Ad un passo da rinnovo del contratto con la Roma. Quinquennale da cinque milioni a stagione o giù di lì. Firma entro inizio campionato, ad essere ottimisti prima di Ferragosto. De Rossi deve dare una risposta definitiva, ma da quello che ha già fatto capire a Walter Sabatini durante il suo soggiorno a Riscone di Brunico, la priorità è la Roma. La classica “scelta di vita, di cuore”. Inevitabile per uno come lui. La trattativa è stata lunga, pesante, fatta di tanti incontri (alcuni anche negativi), di mille telefonate e ancora forse non è finita. Tutto è cominciato qualche mese fa, quando Sabatini ha alzato il telefono e ha contattato Sergio Berti, manager di Daniele. Così, tanto per capire se quelle voci che volevano il centrocampista un po’ stanco di stare ancora in una città che lo ha (non tutta, ovviamente) preso di mira, fossero vere. Le grandi società non si sono presentate dalla Roma, ma da lui certamente sì, nonostante le smentite del suo entourage. Il Chelsea prima, il Real poi, il City da sempre. Soldi, sceicchi, tentazioni estreme per il portafogli. Evidentemente non per la passione. De Rossi ha detto no, vuole restare. Con le big d’Europa sul calciatore, per di più a scadenza di contratto, per la Roma non è stata una trattativa semplice, anche se il nuovo direttore sportivo Sabatini ci ha creduto fino alla fine ed è andato avanti pur correndo il rischio di perderlo. E’ chiaro, quello di Daniele è e sarà un contratto molto oneroso, da top player, che peserà sul bilancio. Del resto la Roma americana non poteva permettersi di perderlo ora, tanto meno di lasciarlo andare via l’anno prossimo a parametro zero. Sarebbe stata una brutta figura, una sorta di falsa partenza. De Rossi ha trattato, ha chiesto e ottenuto, non tutto ovviamente. La Roma ha provato a giocare al ribasso e alla fine ha dovuto cedere, non proponendo però un contratto alla City (nove a stagione per il calciatore, una trentina per la Roma). “Abbiamo formulato un’offerta equilibrata con ampi elementi di variabilità, che dovrebbero essere la linea guida di qualsiasi contratto stipulato con un calciatore. La nostra intenzione è tenerlo e dovremo trovare una soluzione. Non c’è nessun termine, speriamo che la trattativa si concluda prima dell’inizio della stagione agonistica”, le parole di Claudio Fenucci, ad della Roma, dopo l’assemblea degli azionisti tenutasi ieri a Trigoria. Nonostante le cifre da capogiro girate intorno al centrocampista, la sua permanenza a Roma non è mai stata una questione di soldi. A Roma sta bene, con la Roma vuole continuare, Luis Enrique gli piace e soprattutto vuole dimostrare di essere ancora quell’incantevole e continuo calciatore di qualche tempo fa. Vuole togliersi l’etichetta di cattivo, dopo gli episodi negativi (gomitate) contro lo Shakhtar e Bari. Episodi che gli hanno fatto perdere la nazionale. Prandelli sta per perdonarlo e lo convocherà per l’amichevole del 10 agosto con la Spagna a Bari. Per quella data, magari, Daniele avrà un nuovo contratto, un altro umore.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin