Gioia Tauro, post alluvione Sciarrone e D’Agostino rivendicano l’attivismo di Raffa

“Il prossimo avvio dei lavori per la messa in sicurezza del fiume Budello di Gioia Tauro è la migliore risposta allo scetticismo di quanti, in questi ultimi mesi e fino a questi ultimi giorni, hanno strumentalizzato il disagio della popolazione residente in prossimità del corso d’acqua”. Lo affermano, in una nota congiunta, i consiglieri provinciali di Gioia Tauro Rocco Sciarrone (PRI) – in foto- e Raffaele D’Agostino ( Sud). “L’impegno della maggioranza di centrodestra in Consiglio provinciale – sottolineano Sciarrone e D’Agostino – ha agevolato il completamento dell’iter progettuale, conclusosi grazie alla determinazione del presidente Giuseppe Raffa, il quale, venerdì sera, aveva assunto un preciso e definitivo impegno con gli abitanti del sito a rischio che hanno occupato il bivio Sbaglia bloccando per oltre dodici ore la circolazione automobilistica. Martedì sera una delegazione di cittadini, incontrando il Presidente e i tecnici dell’Ente, ha potuto verificare con quanta cura è stato affrontato un problema che non solo continuava a provocare tensione sociale, ma rappresenta un grave pericolo per la pubblica incolumità soprattutto in occasione di precipitazioni atmosferiche. Abbiamo dimostrato di non aver tradito la fiducia della gente e che, entro agosto, sarà avviato il primo intervento che ha previsto in impegno di spesa per quasi un milione di euro, mentre altri 4,5 milioni, che consentiranno di mettere in sicurezza il fiume, saranno disponibili non appena la Provincia firmerà l’apposito accordo con il Commissario regionale per l’emergenza. A tal proposito – concludono i due consiglieri di maggioranza -, nei giorni scorsi, l’Ente guidato a Giuseppe Raffa ha avvito le procedure per ottenere il finanziamento in questione, considerato che l’intervento sul fiume Budello rappresenta una priorità rispetto agli eventi alluvionali degli ultimi anni”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin