Campiano, il partito democratico discute alle sue feste con tanto di spogliarello…

Un motoraduno alla festa del Pd di Campiano nel Ravennate che ha fatto sollevare una marea di polemiche per colpa o meglio per effetto di uno spogliarello da par condicio. In principio ha iniziato Jessica e poi il Vickingo. Per evitare il can can polemico che un mese fa aveva travolto la festa del Pd di Roma dopo l’affissione del manifesto stile Marilyn – la scritta “Il vento è cambiato” sotto le gambe di una ragazza che cercava di domare una gonna svolazzante – i movimenti avevano deciso di appellarsi preventivamente alla clemenza dei dirigenti del partito, ma il confronto è stato concesso soltanto dopo la kermesse. L’unico amo era stato lanciato dall’assessore provinciale alla Sanità, Emanuela Giangrandi: “Annulliamo lo strip tease e proiettiamo il documentario Il corpo delle donne”. “Sì, e perché invece non guardiamo La corazzata Potëmkin?”, le avevano risposto in un lampo i militanti via web. Mentre i politici discutevano, i biker hanno quindi fatto in tempo – per l’onore di Jessica – a ristabilire l’equilibrio scenico invitando al motoraduno Davide Fabbri, il Vikingo “personal trainer della seduzione”, pronipote acquisito di Benito Mussolini e reduce da un fulmineo passaggio all’ Isola dei famosi in attillata veste di “Non famoso”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin