Pier Francesco Guarguaglini è indagato per frode fiscale e false fatturazioni

Dopo un anno di lavoro istruttorio, cade l’ultimo diaframma e l’inchiesta della Procura di Roma sui fondi neri di Finmeccanica travolge con un’ipotesi di reato di una qualche gravità (reclusione fino a 9 anni) il suo presidente, il manager che ha sin qui posato da sopravvissuto alla tempesta giudiziaria che ha investito la holding e che, non più tardi del 4 aprile scorso, il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti ha confermato al vertice del colosso degli armamenti. Il pm Paolo Ielo e il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo accusano Guarguaglini di aver creato o comunque autorizzato fondi extracontabili attraverso una almeno delle società controllate dal Gruppo (la “Selex”), disponendone l’uso per il pagamento di “provvigioni nere” di cui non doveva restare traccia, e ne hanno dunque iscritto il nome al registro degli indagati insieme a quelli di Lorenzo Borgogni, capo delle relazioni esterne della holding, Lorenzo Cola, per anni “facilitatore” del Gruppo (e oggi agli arresti domiciliari), Marco Iannilli e Tommaso Di Lernia, gli “imprenditori” (diciamo così) utilizzati per creare e distribuire le provviste nere della “Selex”, società di cui è amministratore delegato Marina Grossi, moglie di Guarguaglini.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin