Parolisi è l’assassino!

Dopo 92 giorni, l’assassinio di Melania  ha un nome, quello del marito Salvatore Parolisi. La Procura  ne  ha disposto l’arresto, trasferendolo nel comando provinciale di Ascoli Piceno, per poi essere trasferito  per competenza territoriale, al carcere Castrogniodi Teramo, dove li’ lavora il suo migliore amico  Paciolla, perché se ne occuperà la Procura abruzzese. Le accuse sono omicidio aggravato da crudelta’ legata  dalla parentela,   si chiude cosi’ un cerchio, iniziato tre mesi fa’, quando il Caporal Maggior dava l’allarme in merito alla scomparsa della moglie , e iniziava i suoi racconti,le  cose non dette , le bugie , fino a  dover spiegare anche i tanti tradimenti ai danni della moglie, e pare siano proprio i  tradimenti alla base dell’omicidio,saltati  fuori con irruenza devastante, sopratutto per chi in quell’amore ci credeva. Melania, dunque sarebbe stata uccisa, perche’ aveva scoperto i tradimenti del marito, con le colleghe, e voleva raccontare tutto? Melania, e’stata uccisa da chi diceva di amarla, ma nel frattempo viveva storie parallele con altre donne, ed una in particolare Ludovica , la quale aveva chiesto al Parolisi di scegliere, in virtu’ del fatto che di li’ a poco avrebbe conosciuto i genitori di lei. Siamo arrivati all’epilogo, e l’assassino e’ in carcere,forse! o le indagini forse, avrebbero potuto muoversi in altre direzioni, magari in merito ad una delle sue  tante avventure ,  con le soldatesse che doveva addestrare, ma  gli investigatori, pare sin  dall’inizionon abbiano avuto alcun dubbio, lui ha ucciso Melania! Quali sono le prove che  confutano la colpevolezza del Parolisi? Le analisi del medico legale,  dicono che Melania e’ stata uccisa con tecnica militare, del Dna è stato trovato sulla sua bocca, forse un bacio delmarito, forse una mano del suo assassino, per evitare che lei potesse urlare.
Il C. Maggiore ,e’ stato incastrato  dalleindagini, dai risultati dell’autopsia del medico legale, dalle  certosine ricostruzioni,e dalla troppe bugie,  che  hasempre raccontato, anche quando vestiva i panni del marito innamorato e disperato , anche quando sono usciti fuori gli innumerevoli tradimenti, aidanni della moglie. Sono state trovate delle macchie di sangue, che lui ha
cercato di cancellare, sia per la Procura , sia per il Gip, e’ lui l’omicida,mentre per il vilipendio potrebbe essere in concorso con altri .  Parolisi si dichiara innocente, ed il suogrido non riesce a superare  il processo mediatico che lo ha travolto, che gia’ lo considera colpevole, perche’ ormai idelitti si risolvono in tv, perche’ ormai ci siamo innalzati  a giudice e giuria, senza arrivare al terzo grado di giudizio, perche’ ormai non conta piu’ essere innocenti fino a prova  contraria, e perche’ l’occhio vede, cio’ che il cervello dice di vedere , e chi se ne frega se, nel processo mediatico e’ finito , magari un innocente,perche’ tanto se e’ forse colpevole, le pagine e l’odiens saliranno, ma se e’innocente , la notizia avra’ un posto in ultima pagina con un trafiletto di scarsa importanza che nessuno ricordera’. La famiglia di Melania,lo considera  un nuovo inizio, e si augurano il peggio per Parolisi, ma nel contempo sono molto preoccupati per la nipotina, che  ha perso la madre e il padre.  Sicuramente , il pensiero piu’ accorato va’ a Melania, che troppo presto ha lasciato la sua vita, una figlia , un marito che  amava, ed una famiglia che l’adorava,  un pensiero ai genitori, che pensano che mai un genitore dovrebbe vedere morire un figlio,ma semmai il contrario, ed un uomo che forse e’ colpevole, o forse no, ma che qualora lo fosse, dovra’ fare i conti con quella coscienza che quando sara ‘solo con se  stesso gli urlera’ contro, dilaniandogli l’anima, ricordandogli tutti i suoi  sbagli.