Mileto, asilo degli orrori la condanna della Regione Calabria

Il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, on. Marilina Intrieri condanna a nome della Regione Calabria le maestre che hanno picchiato il bimbo disabile in quello che è stato definito l’asilo degli orrori. Ecco la dichiarazione integrale: “Rimango a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Vibo Valentia, in qualità di Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, per quanto di mia competenza, in ordine alla sconcertante vicenda che coinvolge  un bimbo di cinque anni, oggetto di gravissimi maltrattamenti fisici e morali, da parte delle maestre  dell’asilo pubblico di Mileto. Si rimane increduli dinnanzi a reati che sarebbero stati compiuti da chi svolge un servizio educativo in una scuola pubblica il cui controllo di chi di competenza è permanente. Bisognerà verificare quali conseguenze comporterà lo spaventare un bambino evocando l’uomo nero, chiudendolo in un luogo buio e, a tal proposito, solleciterò immediatamente i servizi psicologici territoriali. Tra l’altro, il bambino era affidato ad una insegnante di sostegno che avrebbe dovuto garantirgli una maggiore tutela e difesa. Siamo in un contesto di illiceità nel luogo della educazione e della formazione; il secondo nido per i bimbi, dopo quello familiare, che rappresenta un momento fondamentale, specie per chi è in maggiore difficoltà, nel percorso di crescita della  personalità che rischia di essere minata in modo irreversibile. La magistratura alla quale va il nostro riconoscimento, unitamente alle forze dell’ordine, farà piena luce, al più presto, su tali gravi fatti. Spero siano episodi isolati; voglio dare atto del grande lavoro che, diuturnamente, viene svolto dagli educatori ed insegnanti calabresi”.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin