Milano, macellaio accoltella una donna che lo aveva rimproverato

L’ha colpita con cinque fendenti: al petto, alla pancia, sulle braccia. La vittima, M.M., 46 anni, di Cesate, è finita all’ospedale, dov’è ricoverata in prognosi riservata. Invece l’aggressore, José Luis S.M, 33 anni, del Salvador, professione macellaio, residente a Milano, dopo essere fuggito è stato bloccato dai carabinieri della stazione di Novate, nelle vicinanze dell’ospedale Sacco. L’uomo aveva ancora addosso il coltello, sporco di sangue. L’episodio, che avrebbe potuto avere conseguenze più gravi, è avvenuto l’altra sera, poco dopo le 23.30. Un gruppo di ragazzi, in compagnia della donna, sono seduti al bar all’interno del parco di Novate, nell’area chiamata “mercato”. All’improvviso sbuca José Luis che, come se niente fosse, si avvicina al parchetto dei bimbi e fa pipì. La donna, a questo punto si alzata indignata da tavola e gliele dice quattro. Un botta e risposta sempre più pesante. Le voci si alzano. Volano parolacce e qualche spintone. Fino a quando il sudamericano estrae dalla cintola il coltello “da filetto”, 16 centimetri di lama a punta, e si avventa sulla mamma che aveva osato rimproverarlo, che gli aveva detto a gran voce che il prato dove giocano i bambini non è un gabinetto. Cinque coltellate, sotto gli occhi atterriti dei ragazzi al bar con la donna e di un connazionale dell’aggressore, 35 anni, in attesa del permesso di soggiorno. La donna, che perde molto sangue, viene subito soccorsa dagli amici e trasportata da loro stessi all’ospedale di Bollate, dove è ricoverata in prognosi riservata: i medici però sono ottimisti. Non sarebbe in pericolo di vita.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin