Cadore, in fondo al lago Stefano Fedon e Frank Morales

Tragedia nel Bellunese. Sono stati trovati in fondo al lago due giovani di Domegge di Cadore. Si tratta di Stefano Fedon di 22 anni e di Frank Ernesto Chavez Morales di 23 anni, cadorino ma di origini peruviane, di cui non si avevano notizie da mercoledì sera. Le rispettive famiglie avevano dato l’allarme venerdì mattina, preoccupate dal mancato rientro dei ragazzi e dalle tante chiamate andate a vuoto sui loro cellulari. I due, che avevano trascorso la serata con coetanei, finita la baldoria, probabilmente un po’ brilli, avevano annunciato agli amici di voler fare un giro in canoa e visitare alcuni bivacchi sugli Spalti di Toro. Le canoe, infatti, sono state trovate giovedì dal proprietario che le noleggia. Una riversata nel lago e l’altra dritta. Le ricerche inizialmente si erano concentrate sui monti, poi ieri la svolta. I ricercatori si sono spostati sul lago di Centro Cadore. Sul lago, di natura artificiale, esteso, profondo e con gorghi pericolosi, sono giunti i sommozzatori dei vigili del fuoco di Vicenza, Venezia e Milano. Questi ultimi hanno portato un’imbarcazione speciale di una ventina di metri dotata di scanner di profondità. Secondo i vigili del fuoco, è pericoloso e inutile immergersi e per delle ricerche puntuali solo lo scanner può “leggere” in profondità in un lago delle caratteristiche di quello di Centro Cadore. Tra le prime ipotesi si era infatti pensato che i due giovani si fossero diretti verso qualche bivacco alpino ma il ritrovamento di loro indumenti vicino al lago ha fatto pensare che abbiano, invece, deciso, di tuffarsi o di attraversarlo con delle canoe che si possono noleggiare in un locale. Proprio a due imbarcazioni, già ritrovate, sarebbero stati forzati i lucchetti con cui il gestore le blocca la notte per sicurezza. Chavez, dipendente del panificio siciliano di Domegge, l’anno scorso aveva giocato nella squadra di calcio locale. Fedon, invece, lavorava nel settore dell’occhialeria, a Nebbiù. In questo periodo era in cassa integrazione.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin