Trieste, Franco Bandelli critico con il Pdl cittadino

“Per chi avesse avuto la possibilità di partecipare alla seduta del Consiglio Comunale di lunedì sera, la sensazione che ne avrebbe ricavato è che il PdL vanta tra le sue fila delle illustri comparse. Uno spettacolo che solitamente si ha quando ormai la consigliatura è sul finire, e non quando é appena all’inizio come in questo caso. Si è assistito così al pessimo spettacolo – per gli elettori che li hanno votati – di consiglieri di centrodestra, che anziché votare contro la relazione programmatica del centrosinistra, hanno preferito lasciare l’aula. Siamo certi che i consiglieri comunali Antonione, Bucci e Dipiazza, avessero di meglio da fare che votare contro il centrosinistra con cui hanno giustamente tuonato in tutta la campagna elettorale, e non è interessante approfondire i motivi per cui eletti in un’assemblea preferiscano poi uscire al momento decisivo del voto. Quel che è certo è che se il buongiorno si vede dal mattino, il Pdl sarà in Comune un’opposizione a mezzo servizio. Tra sindaci uscenti delusi e deputati impegnati altrove, il Sindaco Cosolini potrebbe avere vita più facile di quanto immaginasse. Per questo lanciamo un appello al Pdl: faccia dimettere i consiglieri che non hanno interesse a mantenere il posto in Consiglio comunale e lasci entrare coloro che potrebbero lavorare al meglio nell’interesse della città. Pensiamo, per esempio, all’ex Consigliere Giorgi – primo dei non eletti tra le fila del Pdl – che oggi resta fuori dal Consiglio comunale proprio a vantaggio di Antonione. Siamo convinti infatti, che una buona opposizione debba partire dalla presenza e dal lavoro dei suoi uomini in Consiglio comunale, in un quadro dove l’obiettivo è dare forza all’ opposizione per ridare prospettiva  un’alternativa di governo per la città”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dal movimento di Franco Bandelli.

 

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin