Napoli, a rischio la salute dei cittadini

Una brutta gatta da pelare per il neo sindaco De Magistris: i rifiuti sommergono Napoli. Ed il primo cittadino prova a correre ai ripari con un’ordinanza urgente. Ecco, in breve, cosa prevede: turni di raccolta 24 ore su 24 per gli operatori della società comunale Asìa; isole ecologiche in ogni municipalità; siti di trasferenza cittadini (quindi non provinciali come Caivano e Acerra), che per ora restano segreti; task force della polizia municipale contro i “piromani” della spazzatura, una piaga che sta toccando livelli d’allarme negli ultimi giorni. “Ma non diremo tutto – ha precisato – Ci sono troppi poteri, non solo politici, che ci stanno ostacolando. Diremo solo quello che è utile dire”. In effetti, oltre all’ex Icm del quartiere Ponticelli già in uso, i siti individuati sarebbero i capannoni dismessi di Gianturco, sempre in zona orientale, e l’ex mercato dei fiori di San Pietro a Patierno (capienza di 12mila metri quadrati,). Si sta lavorando all’individuazione anche di un terzo sito.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin