Reggio Emilia, torna il disco bus anti strage

L’impegno della Provincia di Reggio Emilia a favore del divertimento in sicurezza dei giovani non va in vacanza. Da venerdì 24 giugno a sabato 30 luglio sarà infatti riattivato – e potenziato – il servizio estivo del Discobus, che già nel 2009 aveva registrato un buon successo. Quattro i locali coinvolti (il Parco Fola di Albinea, il Casale tra Gavassa e Budrio, il Sophia alla piscina di Baiso ed il 2 di Picche a Pratissolo), cinque i comuni interessati (Reggio Emilia, Albinea, Viano, Scandiano e Baiso) e due le notti di corse (oltre al venerdì, quest’anno si viaggerà anche di sabato). Il Discobus, ideato dalla Provincia di Reggio Emilia e attivato con la determinante collaborazione di Act, ha registrato un grandissimo successo da parte dei giovani reggiani, e dei loro genitori, tanto che dal 2008 – in tre stagioni invernali e nell’estate 2009 – sono state registrare ben 40.000 presenze (12.440 solo quest’inverno, quasi 400 in più rispetto al primo anno). Il venerdì la linea verde porterà i giovani da Reggio (partenza 23.15 dal teatro Ariosto) a Baiso con fermate in città (piazza Gioberti, corso Garibaldi, ospedale),  a Canali, al Capriolo, alla chiesa di Albinea (navetta gratuita per il Parco Fola),  alle scuole di Pratissolo, al 2 di Picche, in via Mazzini a Scandiano e a Viano. Il rientro  è previsto dal Sophia di Baiso, con percorso inverso, alle 3.30 e arrivo al teatro Ariosto alle 4.45. Il sabato la linea azzurra prevede diverse corse e coinvolgerà anche il Casale di Gavassa (ma non il Sophia di Baiso e dunque senza più fermata a Viano). La prima corsa partirà alle 22.30 dal teatro Ariosto di Reggio con solite fermate in città, a Canali, alla chiesa di Albinea, al 2 di picche di Pratissolo e proseguirà fino a Scandiano con fermate in via della Rocca e al polo scolastico, oltre che in via Mazzini. Da Scandiano (con partenza alle 23.20 e all’1.30 dal polo scolastico) sarà infatti possibile raggiungere il 2 di Picche (23.27 e 1.37) , il Parco Fola (23.44 e 1.54) ed anche il Casale (solo  però con la prima corsa e arrivo alle 0.20). Un’altra linea collegherà il Casale (partenza alle 0.25) con Reggio, il Parco Fola  (1.01),  il 2 di Picche (1.18) e Scandiano (tra l’1.21 e l’1.25). L’ultima corsa partirà alle 3.30 dal Casale e, dopo il solito tragitto, terminerà a Scandiano alle 4.30. Invariato il costo del biglietto (2,50 euro), che come sempre consentirà di usufruire di sconti e agevolazioni nei locali. L’iniziativa è stata fortemente voluta dalla presidente della Provincia di Reggio Emilia Sonia Masini, per la quale “il Discobus nasce dalla volontà condivisa di fornire un trasporto in sicurezza – e a basso costo, aspetto da non trascurare in questo periodo di crisi – che assicuri un divertimento in tranquillità ai ragazzi ed alle loro famiglie”. “La sicurezza dei nostri figli e di tutti gli utenti della strada è una delle priorità della Provincia, e questo servizio costituisce una vera e propria eccellenza, frutto di un lavoro di squadra che siamo riusciti a creare con Act ed i gestori dei locali – aggiunge la presidente Masini –  Oltre a consentire  ai giovani di lasciare a casa l’auto ed usufruire del trasporto pubblico collettivo il Discobus  rappresenta  anche un mezzo di socializzazione, nonché di informazione e sensibilizzazione sull’abuso di alcol e di sostanze stupefacenti”. “E’ un servizio utile, che piace e rappresenta anche un esempio concreto di mobilità sostenibile, rivolto non solo ai giovani, ma anche a tutti i cittadini che vogliono usufruire del bus nelle ore serali – afferma l’assessore provinciale Alfredo Gennari – Proprio il suo successo ci spinge a potenziare il Discobus anno dopo anno,  con un impegno notevole per la Provincia al quale non intendiamo però assolutamente rinunciare nonostante la sempre maggiore scarsità di risorse economiche e di finanziamenti di cui riescono a disporre gli Enti locali”. Per tutte le informazioni, conoscere i tragitti e gli orari delle line estive del Discobus: tel. 0522.927663; discobus@actre.it o consultare i siti e le pagine facebook di Provincia di Reggio Emilia e Act.

Fabio Macchi