Venezia, a Bruxelles per parlare di ambiente

Il presidente della provincia di Venezia, Francesca Zaccariotto, parteciperà da domani martedì 21 a mercoledì 23 giugno 2011 a Bruxelles al corso di formazione “Istituzioni, politiche e strumenti dell’UE per la crescita e la competitività della Pubblica Amministrazione”. L’iniziativa è organizzata dall’Unione Province Italiane (UPI), in collaborazione con la Scuola superiore pubblica amministrazione locale (Sspal) e il supporto dell’ufficio UPI-Tecla Europa. Sono solo trenta le  Province italiane chiamate a partecipare, come riconoscimento di esperienze e progetti già avviati in materia di tutela ambientale, insieme ad esperti e rappresentanti delle Istituzioni europee ed internazionali. Cinque le sessioni di incontro, che termineranno con un confronto politico a più voci tra gli amministratori locali presenti, e i rappresentanti del Parlamento europeo e del Comitato delle Regioni. Obiettivo è dare supporto al sistema delle Province, enti che hanno al centro della loro azione le politiche in materia ambientale, per affrontare le nuove sfide di crescita dell’Unione Europea “Europa 2020”. “La Provincia di Venezia è tra gli enti più attivi nella promozione di una politica coordinata nell’ambito della difesa del territorio e dell’ambiente – spiega la presidente Francesca Zaccariotto –  ciò significa salvaguardia dei patrimoni paesaggistici, gestione del ciclo dei rifiuti, dell’acqua e dell’energia. La nostra piena adesione al Patto dei sindaci ci vede impegnati a coordinare la sottoscrizione dei 44 Comuni della nostra provincia al patto, per giungere  all’obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra nocivi del 20% entro il 2020. L’opportunità che ci è offerta a Bruxelles, e per questo riconoscimento ringrazio UPI Tecla, costituirà di sicuro un momento di crescita delle nostre competenze e allo stesso tempo un’occasione per instaurare e consolidare contatti diretti con le istituzioni comunitarie”.

Patrizia Salvaterra

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin