Tremonti anticipa la manovra da 40 miliardi lacrime e sangue per gli italiani

 

Il Premier giù di tono

Giulio Tremonti, adesso, si sente più forte. E ha un’arma in più per difendersi dall’accerchiamento di Berlusconi e Bossi: rilanciare sulla linea del rigore. E varare subito, prima dell’estate, la maxi manovra da 40 miliardi, che dovrà portare l’Italia al pareggio di bilancio entro il 2014. È l’unica risposta possibile, da offrire all’Europa e ai mercati, per tenere il Paese al riparo dalla “sindrome greca”. Chiuso in casa a Pavia, il ministro del Tesoro si prepara a una domenica di passione. Questa mattina, sul pratone di Pontida, c’è il raduno della Lega, che dovrà decidere le sorti del Governo. Maroni e Calderoli alzano i toni, e coprono le pretese di Cisl e Uil, palesemente velleitarie perché colpevolmente tardive. Dopo aver ingoiato senza fiatare ogni tipo di rospo, in tre anni in cui i salari reali del privato sono crollati e gli stipendi del pubblico impiego sono stati congelati, Bonanni e Angeletti si ricordano che famiglie e lavoratori, precari e disoccupati, meritano adesso una “ricompensa” fiscale. Minacciano addirittura uno sciopero, dopo aver boicottato ogni genere di protesta organizzata dalla Cgil. I due ministri leghisti si accodano. Bossi tace. Parlerà solo lui, oggi, al popolo padano. L’altolà di Moody’s aiuta la resistenza del Ministro dell’Economia. Tremonti si aspettava una mossa del genere. La considera “un riflesso generalizzato della crisi greca, più che una critica specifica alla tenuta dei conti italiani”. E dunque “investe allo stesso modo tutti i paesi dell’Eurozona”, sia pure con un’intensità diversa. “E’ una fase critica e delicatissima per tutti”. Ma non c’è dubbio che per Paesi come la Spagna e l’Italia (dopo la diffusione della crisi tra Irlanda, Grecia e Portogallo) lo sia ancora di più. L’avvertimento dell’agenzia di rating, secondo la lettura che se ne da a Via XX Settembre, nasce da qui. “La tensione sugli spread di questi giorni riguarda tutta la struttura dei titoli di Eurolandia, non certo solo quelli italiani”. L’Italia, da questo momento, torna ad essere un sorvegliato speciale. Ed è per questo che Tremonti, adesso, è più che mai irremovibile sulla disciplina di bilancio. E punta a lanciare un segnale ancora più netto di rigore. Il segnale è appunto “l’anticipo della manovra da 40 miliardi”. Un altro schiaffo alla strategia berlusconiana, che voleva una “scossa” espansiva subito, fatta di sgravi fiscali massicci, e la “stangata” rinviata (semmai) all’autunno. Il Ministro inverte l’ordine: prima dell’estate “l’impianto dell’intera manovra che dovrà portarci al pareggio di bilancio nel 2014 dovrà avere una struttura di legge”. Dunque entro luglio conosceremo i contenuti della legge delega sulla riforma fiscale e i sacrifici necessari qui ed ora, e poi nell’arco dei prossimi due anni. Questione di giorni. Passata la verifica (sempre ammesso che passi) dalla settimana prossima Tremonti conta di portare i primi provvedimenti in Consiglio dei ministri, per arrivare alla discussione e al via libera del Parlamento prima della pausa di agosto.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin