Avea Club, inizia la stagione dei raduni d’auto d’epoca

Un successo per il secondo raduno di autovetture d’epoca promosso dall’Avea Club di Gioia Tauro (RC). Più di 80 gli esemplari esposti, appartenenti a collezionisti ed appassionati provenienti da molti paesi della Locride e della Piana di Gioia Tauro. Pezzi di storia d’Italia e non solo. Esempi di tecnologia, quella del loro tempo. Alcuni esemplari presenti erano stati costruiti addirittura negli anni ’30, come la superba Bianchi, nera a dispetto del suo nome. Tra i tanti modelli anche una Ferrari dei primi anni 70. Molte le 500 e le 600. Modelli Alfa romeo dal ’50 al ’70, grintose come quelle dei nostri giorni. Esemplari di lancia Fulvia e Flavia, Duetto e Spider, auto straniere di grande fascino come la Citroen Diana (la 2 Cavalli), una Bentley, un paio di Maggiolone. Tra le italiane spiccava anche una 1100 azzurra ed una Topolino gialla, alcune Belvedere ed una 112 rosso fiammante. Un raduno d’auto d’epoca non è solo estetica e rombi di motore. Un’iniziativa che ha richiamato tanti appassionati a Siderno (RC) grazie all’impegno del presidente Francesco Amato, un evento che ha riscosso grande successo.

I Primi tre classificati della gara d’abilità sono stati i signori:

Pasquale Totino Pasquale

Cosimo De Leo

Antonio Passarelli

Sono state anche premiate le tre migliori vetture: una Citroen traction Avant del 1954 di proprietà di Cosimo Spataro; una Bianchi del 1932 di Michele Cavallaro ed una Fiat 1100/103 del 1956 di Giuseppe Totino. Altre vetture sono state premiate a vario titolo:

Jba Falcon di Luca Massara;

Alfa Romeo Spider di Domenico Alvaro;

Maggiolino Wolkswagen di Gianfranco Pasqualino;

Fiat 500 (Topolino) di Armando Totino Armando

Citroen Ds di Giuseppe Capogreco;

Jaguar di Gasparre;

Giulia 1300 Alfa romeo di Michele Brosio;

Rolls Royce di Pietro Talia.

A Gioia Tauro c’è grande attesa per conoscere notizie sul nono raduno di auto d’epoca, organizzato in Estate come tradizione dal Club Avea, con sfilata per le vie del centro di Gioia Tauro, San Martino di Taurianova, Amato e Taurianova.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin