Gioia Tauro, vibranti contestazioni dei lavoratori al Presidente Scopelliti che non si impegna sulla revoca della sospensione delle Taurensi

“Dal confronto presso la sala del Consiglio Comunale di Gioia Tauro Tra il Presidente della Regione Calabria , il Consigliere delegato ai trasporti,  le organizzazione sindacali e di sindaci del territorio non è emersa la volontà  della Regione di  far revocare la sospensione del servizio delle ferrovie Taurensi e quindi  non si è nei fatti scongiurato il pericolo di chiusura . L’incertezza  sul futuro delle linee Taurensi che aveva già, nei giorni scorsi, determinato forti tensioni e preoccupazioni tra i lavoratori , sfociate anche in manifestazioni estreme , non solo non è scomparsa nel corso delle riunione, ma addirittura è cresciuta  durante la discussione. I lavoratori nell’ascoltare le parole poco rassicuranti sul mantenimento  del servizio ferroviario da parte  del Consigliere delegato prima e del Presidente poi, hanno spontaneamente manifestato la loro ferma disapprovazione e preoccupazione per il futuro lavorativo. La discussione è stata accompagnata da vibranti contestazioni che hanno messo in evidenza  la grave e pesante esasperazione che stanno vivendo i dipendenti delle Taurensi e le loro famiglie. Questa è un’ulteriore prova della grave e più generale  condizione di disagio crescente che vive un territorio che ha troppe vertenze aperte di straordinaria importanza (Fdc Porto Lsu Lpu Pianambiente, Sa Rc Cassintegrati e Mobilità ecc) ed un elevata disoccupazione giovanile, che purtroppo incontra, fino ad ora, una pesante incapacità da parte della Regione e del Governo di voler trovare soluzioni risolutive. Purtroppo dobbiamo constatare che quello che oggi Il Presidente Scopelliti ha espresso nella riunione non sono frasi di aiuto a questo territorio. Il presidente ci è sembrato che non abbia voluto abbandonare i toni da campagna elettorale. Non abbiamo apprezzato il fatto che il Presidente abbia sottovalutato il disaccordo espresso dai lavoratori, tentando di etichettare la loro provenienza sindacale, quale un alibi precostituito e pregiudizievole, e ha solo cercato di far passare la disperazione per strumentalizzazione. Alla fine, purtroppo, queste provocazioni sono solo servite a non entrare nel merito della discussione, sfuggendo da impegni concreti e certi, unica vera richiesta avanzata da questa organizzazione sindacale a chi è pro tempore chiamato ad amministrare questa regione. Ribadiamo la nostra disponibilità a proseguire il confronto  di merito che in ogni caso, per noi, deve partire  dall’immediato inizio dei lavori di messa in sicurezza  delle linee  ferrate e da una data certa del ripristino del transito delle “littorine”. Pensiamo infatti che la Regione  ha la possibilità, senza gravare sui fondi ordinari, utilizzando i fondi europei che sono già disponibili e spendibili, di programmare un rilancio strutturale di tutto il servizio ferroviario nell’interesse dei cittadini, dei lavoratori e del territorio”. Lo scrivono in una nota congiunta Antonino Calogero, segretario generale comprensoriale della Piana di Gioia Tauro; Domenico Laganà, segretario generale Filt Cgil.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gioia Tauro, vibranti contestazioni dei lavoratori al Presidente Scopelliti che non si impegna sulla revoca della sospensione delle Taurensi Gioia Tauro, vibranti contestazioni dei lavoratori al Presidente Scopelliti che non si impegna sulla revoca della sospensione delle Taurensi ultima modifica: 2011-06-10T16:51:44+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0