Lamezia Terme, agguato mortale tra la folla

La violenza in Calabria è tornata ad esplodere incontrollata. Ed è ancora una volta soprattutto Lamezia, quarta città della Calabria, a farne le spese tant’è che i killer ieri sera sono entrati in azione tra la folla per uccidere a colpi di pistola un uomo mentre assisteva a bordo campo ad una partita di calcetto della squadra che allenava a Lamezia Terme. L’agguato mortale a Vincenzo Torcasio, di 58 anni, è il secondo in tre giorni nella città calabrese dopo quello di Giovanni Villella, di 31 anni, ucciso a colpi di fucile mentre era in aperta campagna, nei pressi dell’aeroporto. Secondo gli investigatori i due delitti, però, non sarebbero collegati tra loro. Torcasio, che aveva precedenti penali ed era imparentato con gli esponenti di una cosca locale, si trovava a bordo campo quando da un vigneto sono stati sparati dei colpi di pistola che lo hanno raggiunto in diverse parti del corpo. L’omicidio è avvenuto sotto gli occhi increduli di decine di persone che assistevano alla gara di calcetto e che sono fuggite dopo aver sentito i colpi. Quando ci si è resi conto quanto era accaduto la partita è stata sospesa, Torcasio è stato soccorso ma era già morto. Gli inquirenti ritengono che l’autore del delitto sia un professionista considerato chela vittima è stata raggiunta senza che gli spari colpissero nessuna persona presente nel campo di calcetto. La polizia è al lavoro per ricostruire i suoi ultimi spostamenti e se avesse avuto contrasti negli ultimi tempi. La dinamica di Lamezia ha un precedente in Calabria. Il 25 giugno del 2009 due sicari spararono numerosi colpi di fucile contro un pregiudicato che giocava a calcetto su un campo a Crotone uccidendolo e ferendo nove persone tra le quali un bambino di nove anni, Domenico Gabriele. Il bimbo morì il 20 settembre successivo senza mai riprendere conoscenza.

9 su 10 da parte di 34 recensori Lamezia Terme, agguato mortale tra la folla Lamezia Terme, agguato mortale tra la folla ultima modifica: 2011-06-08T04:35:38+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0