Messina, appello per il calcio dello Stretto

“Siete voi la nostra vittoria. Questo il coro che abbiamo voluto dedicare ai ragazzi dell’Amatori Basket al PalaVolcan di Acireale in gara 3 dei play-off, nonostante la sconfitta. Oltre 150 persone a cantare, una festa di colori e di voci, che racchiude cosa è diventata la realtà creata negli anni ’70 dal prof. Dispensieri e portata avanti con enormi sacrifici negli ultimi anni dal presidente Nino Centorrino. Una realtà sana, intrisa di messinesità (dal presidente al coach Checco D’Arrigo fino all’ossatura della squadra). Una realtà che oggi merita un aiuto, un sostegno per andare avanti, per programmare un futuro più ambizioso. Attorno all’Amatori Basket è nato qualcosa di veramente speciale. Nell’ultima stagione, col terzo budget più basso del girone e contro tutti i pronostici, la squadra ha raggiunto per il secondo anno consecutivo i play-off giocandosela alla pari con tutti. Gli sforzi di Nino Centorrino e del suo staff sono stati ripagati da un passionale e travolgente amore sbocciato con noi tifosi, per la prima volta organizzati attorno al gruppo degli “Amatori Fans Messina”. Oggi, però, per andare avanti ci vuole qualcosa in più. Ecco perché chiediamo l’aiuto di chiunque senta di dover dare un contributo, anche minimo, ad una causa comune: Messina, lo sport nel suo aspetto più sano e genuino, tradotto anche in un settore giovanile composto da oltre cento ragazzi. Il presidente Centorrino, al di là delle oltre 400 presenze fisse della domenica al PalaTracuzzi, non può essere lasciato più solo. Non vogliamo credere che sia il solo ad amare questa città e questo sport. E’ un appello, quello che noi Fans lanciamo. Per l’Amatori. Per lo sport. Per Messina”. Lo scrivono in una nota che pubblichiamo integralmente a firma degli Amatori Fans Messina 2010

9 su 10 da parte di 34 recensori Messina, appello per il calcio dello Stretto Messina, appello per il calcio dello Stretto ultima modifica: 2011-05-26T08:22:24+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0