Fincantieri, rivolta in Campania

Non va giù agli abitanti di Castellammare di Stabia di perdere la principale “industria” della città. Non piace il piano industriale presentato a Roma dall’amministratore delegato dell’azienda Fincantieri, Giuseppe Bono, che prevede la chiusura degli stabilimenti di Sestri Ponente  in provincia di Genova e di Castellammare di Stabia in provincia di Napoli. In Campania è subito rivolta: sindacati e forze politiche si oppongono, i lavoratori annunciano proteste clamorose. “E’ necessario operare per raggiungere una intesa che possa salvare la cantieristica ed i livelli occupazionali a Castellammare”, avverte il governatore Caldoro. Il Ministro Romani ribatte ed ammonisce che “non dovrà chiudere alcuno stabilimento prima di avere un serio piano di riconversione”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Fincantieri, rivolta in Campania Fincantieri, rivolta in Campania ultima modifica: 2011-05-24T05:36:36+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0