Palermo, ottimizzare la differenziata

“La raccolta differenziata deve avvenire in maniera efficace ed efficiente anche nel quartiere Politeama e non ho dubbi che riusciremo a raggiungere questo obiettivo in tempi brevi, come è avvenuto nelle altre zone della città in cui la raccolta differenziata è ormai un meccanismo collaudato”. Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha convocato oggi i vertici di Amia – presenti il direttore generale Gervasi e il responsabile del servizio di raccolta differenziata Fradella – il comandante della polizia municipale Serafino Di Peri e il responsabile di Palermo Ambiente Marco Ciralli. Alla riunione operativa ha partecipato anche il vicesindaco e assessore all’ambiente Marianna Caronia. Il sindaco Cammarata ha organizzato la riunione per approfondire le criticità relative all’avvio del servizio di raccolta differenziata nel quartiere Politeama e per adottare tutte le misure necessarie a rimuoverle. Dai dati forniti da Amia è emerso che, a parte alcune resistenze nei residenti (assolutamente recuperabili e riconducibili ad una percentuale piuttosto ridotta) i problemi maggiori a conferire negli orari e secondo le modalità previste viene dagli esercizi commerciali, soprattutto quelli che operano nelle ore notturne come pub, bar e ristoranti che conferiscono i rifiuti anche dopo che il servizio di raccolta è già stato fatto. “Sono assolutamente sicuro che i residenti in tempi brevi apprezzeranno i vantaggi derivanti dalla raccolta differenziata – dice il sindaco – e sapranno ben adattarsi come è avvenuto nelle altre zone della città dove l’avvio è stato ugualmente complesso. Per quel che riguarda comportamenti non corretti, che a quanto pare sono attribuibili soprattutto agli esercizi pubblici, abbiamo identificato alcuni provvedimenti che serviranno a ridurre i disagi”. Il sindaco ha disposto un più efficiente collegamento diretto fra Amia e Polizia municipale che interverrà per sanzionare ogni comportamento scorretto. A questo scopo, e per intensificare i controlli, il comandante predisporrà entro 24 ore un piano di intervento mirato per quest’area della città. Il sindaco Cammarata ha anche disposto che alla prossima seduta di giunta vada una delibera che aumenta la sanzione prevista per il mancato rispetto della normativa vigente in materia di raccolta differenziata (attualmente la sanzione è di soli 50 euro) e che nei casi più gravi queste vengano innalzate fino alla quota massima prevista di 500 euro. Infine, nel caso di ripetute violazioni si potrà anche arrivare alla sospensione della licenza commerciale. Il sindaco Cammarata ha riconvocato tutti i presenti alla riunione odierna alla fine della settimana per fare il punto sui risultati ottenuti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, ottimizzare la differenziata Palermo, ottimizzare la differenziata ultima modifica: 2011-05-23T18:53:25+00:00 da Redazione
Condividi su...
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0

1 commento per “Palermo, ottimizzare la differenziata

  1. maurizio di fatta
    25 maggio 2011 at 19:22

    salve a tutti sono un contribuente che paga regolarmente la tarsu a mio avviso tutto questo è inteso per fare cassa è non per ottimizzare il servizio della raccolta differenziata sappiamo benissimo che amia non è in grado con la sua pianta organica ha sostenere questo servizio è non arriverà mai ha rangiungere la percentuale della stessa imposta dalla comunità europea la differenziata a mio avviso non si fa completamente tutto va a finire a bellolampo che è un disastro ecologico di proporzioni inpressionanti grazie al nosro sindaco e ai dirigenti di amia palermo è una città bellissima ma prima o poi diventerà peggiore di napoli ci vogliono idee nuove personale che fluisca con sonvenzioni regionali a fare la differenziata è ci sono ma che le politiche locali ignorano vi voglio ricordare il capannone di partanna nato per selezionare il rifiuto e riciclarlo soldi dei contribuenti perchè non interviene lo stato ora prima che sia troppo tardi

Commenti chiusi.