Enna, smaltimento di rifiuti tossici arrestati imprenditori e funzionari

I Carabinieri di Enna contestano agli arrestati i reati di smaltimento di rifiuti tossici, peculato e falso. Alcuni degli indagati devono rispondere anche di concorso esterno in associazione mafiosa, perché avrebbero favorito “Cosa Nostra” impiegando società vicine ai clan siciliani.

Operazione in Sicilia e Lombardia

In manette sono finiti imprenditori, professionisti e pubblici funzionari, che si erano aggiudicati l’appalto da 8 milioni di euro, per la bonifica del sito minerario di Pasquasia ad Enna.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone