Susanna Lazzarini confessa di aver ucciso Lidia Taffi Pamio, scarcerata Monica Busetto

Susanna Lazzarini, già in carcere per aver ucciso il 29 dicembre scorso l’amica della madre Francesca Vianello, ha confessato anche di aver ucciso Lida Taffi Pamio, pensionata di 87 anni strangolata nel suo appartamento nel 2012.

Per il delitto di Lida Taffi Pamio era stata accusata e condannata dalla Corte d’Assise Monica Busetto. Quest’ultima si era sempre proclamata innocente. Alla luce della confessione è stata scarcerata su disposizione della Corte d’Assise d’Appello. Susanna Lazzarini, detta Milly, è crollata dopo un interrogatorio. Ad incastrare Milly sarebbero state delle tracce di sangue. Dopo il delitto Vianello, il suo Dna era stato schedato dalla Polizia. Il suo profilo coincideva con quello “sconosciuto” ritrovato sulla scena dell’omicidio di Lida Taffi Pamio.

Milly, così era conosciuta Susanna Lazzarini, ha ammesso di aver ucciso l’anziana amica di sua madre, Francesca Vianello, i primi giorni dello scorso gennaio. Martedì 29 dicembre il corpo della vittima è stato trovato riverso sul pavimento a testa in giù. Sul collo la corda che l’assassino le aveva stretto fino a strozzarla. La vittima aveva aperto la porta, conosceva Milly, figlia di una sua amica e non credeva di avere qualcosa da temere. Era andata dall’amica dell’anziana madre per chiedere in prestito 300 euro per fare un regalo per Natale ai due figli e per comperare qualcosa di particolare da mettere in tavola per le feste.

Lida Taffi Pamio, 87 anni, venne massacrata nel suo appartamento al secondo piano del condominio di via Vespucci 13 dove viveva da sola dopo aver perso l’unico figlio e il marito.

9 su 10 da parte di 34 recensori Susanna Lazzarini confessa di aver ucciso Lidia Taffi Pamio, scarcerata Monica Busetto Susanna Lazzarini confessa di aver ucciso Lidia Taffi Pamio, scarcerata Monica Busetto ultima modifica: 2016-03-02T19:59:36+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento