Perugia. L’assessore regionale Enrico Melasecche espulso dal Carroccio

455

Terremoto politico in Umbria dove il consigliere e assessore regionale Enrico Melasecche è stato espulso dalla Lega di Matteo Salvini. Il Carroccio ha informato la stampa della sua “esclusione dalle liste degli iscritti con decorrenza immediata”.

“Il provvedimento rappresenta un atto politico dovuto e legittimo – sottolinea il partito -, adottato in conseguenza del venire meno del rapporto di fiducia con il partito e dall’incompatibilità tra il suo operato e gli obiettivi proposti dalla Lega nell’ambito di governo regionale, oltre che dal mancato adempimento delle norme statutarie della Lega. La Lega diffida Melasecche dall’agire e dal parlare in nome e per conto del partito”.

Enrico Melasecche da tempo era entrato in contrasto con il partito di Salvini, sin dalla sua nomina nella Giunta Tesei, non avendo voluto lasciare il posto da consigliere regionale che sarebbe andato ad un altro leghista. Più recenti le bacchettate di Melasecche all’amministrazione ternana, guidata dal sindaco leghista Leonardo Latini.

La Governatrice Tesei auspicava una soluzione di compromesso per evitare un rimpasto dato che è ancora aperta la questione con Fratelli d’Italia rimasti senza assessore nonostante abbia preso più voti di Forza Italia e della civica dell’Agabiti. Fdi è tornata alla carica dopo il caos creato dal caso Melasecche.

Il posto di Melasecche potrebbe andare alla meloniana Pace che ben ha lavorato alla presidenza di commissione a Palazzo Cesaroni.