Al Milan basta una vittoria contro il Cagliari per tornare in Champions

208

È l’obiettivo minimo dopo una prima parte di stagione da Diavolo! Al Milan serve ancora una vittoria per andare in Champions. Nonostante il successo della Juventus sull’Inter, la squadra di Pioli ha il destino nelle proprie mani. Infatti i rossoneri battendo il Cagliari saranno aritmeticamente certi di tornare in Champions League con una giornata d’anticipo.

Determinanti gli scontri diretti favorevoli sulla Juventus (battuta 3-0 a Torino nello scontro diretto di una settimana fa). Il successo ha consentito al Milan di rimanere davanti pronto a chiudere i conti dopo avere trascorso tutto il campionato nelle prime quattro posizioni.

L’avversario di turno è un Cagliari salvo dopo i risultati dell’ultimo mese. Soltanto una serie di eventi sfavorevoli potrebbe condannare la squadra di Semplici alla retrocessione, ma il margine sul Benevento e le sconfitte del Toro lasciano i sardi in una situazione agevole.

Il Milan cambierà solo un elemento rispetto alla trasferta in casa del Torino. In campo il rientrante Saelemaekers al posto di Castillejo. Coppia di difesa confermata con Tomori e Kjaer, così come Bennacer e Kessié in mezzo al campo, Brahim Diaz sulla trequarti e Rebic nel ruolo di punta più avanzata. Gabbia non convocato, Tonali sì ma va in panchina.

Il Cagliari può tornare al 3-4-1-2, ma non è esclusa la conferma della difesa a quattro. Confermato Pavoletti nel ruolo di centravanti, nonostante la concorrenza di Simeone. Assieme a lui João Pedro. Retroguardia con Ceppitelli-Godin-Carboni, Zappa e Lykogiannis sulle fasce, Nainggolan tra le linee, Duncan in panchina.