Dal 13 al 20 novembre si tiene la dodicesima edizione delle Giornate di Studio sull’Arte Circense

386

Tornano le Giornate di Studio sull’Arte Circense, l’appuntamento che il Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali dell’Università degli Studi di Milano dedica al circo e allo spettacolo popolare. Il laboratorio si svolgerà dal 13 al 20 novembre 2020. Gli incontri della giornata iniziale e di quella conclusiva saranno in presenza nelle aule di via Noto 8, mentre il resto delle attività avverrà online sulla piattaforma Teams.

Abbiamo deciso di dedicare questa edizione a Federico Fellini, di cui ricorre il centenario della nascita” – spiega il Professor Alessandro Serena, ideatore del progetto  “Il grande regista riminese amava il circo, al punto da farsi ispirare dalle tecniche dello spettacolo popolare per tre film fondamentali quali Luci del varietà, La Strada, I Clowns e da ammantare ogni sua pellicola delle atmosfere e delle estetiche circensiIl suo sguardo poetico su un mondo tanto affascinante ci aiuterà a trasmettere la magia del circo, online e dal vivo”.

Ad aprire le Giornate di Studio sull’Arte Circense sarà Giulia Staccioli, coreografa, autrice e regista, direttrice della compagnia milanese Kataklò che racconterà la genesi di Fellini 1920, spettacolo omaggio al cineasta che mescola teatro, arti circensi, danza, immagini multimediali e le più belle melodie di Nino Rota.

Grande spazio viene dato ai pagliacci e agli istrioni dello spettacolo dal vivo, con la presenza tra gli altri del Clown dei Clown David Larible (vincitore del Clown d’Oro al Festival di Monte Carlo, da anni è considerato il miglior pagliaccio classico dei nostri tempi grazie ai suoi one man show di grande successo in pista e su palcoscenico) e di Paolo Nani, uno degli artisti italiani più apprezzati all’estero (il suo spettacolo La lettera ha superato le 1400 repliche in tutto il mondo) anche per il suo lavoro pedagogico rivolto ai giovani.

Il laboratorio ospiterà anche una tavola rotonda online sul circo classico, per raccontare l’eterno fascino di questa forma d’arte che ha ispirato poeti, musicisti, registi e artisti di ogni sorta: interverranno il presidente dell’Ente Nazionale Circhi Antonio BuccioniLivio Togni (imprenditore di circo figlio del leggendario Darix ed ex senatore della Repubblica) e Paride Orfei, direttore della scuola di arti circensi del Piccolo Circo dei Sogni, il cui padre Nando Orfei ha recitato per Fellini ne I Clowns Amarcord.

Particolare attenzione verrà prestata anche al circo contemporaneo, con la presentazione del reportC_onfronti che testimonia le condizioni dello spettacolo viaggiante ai tempi del coronavirus e offre una lettura interessante del prolifico panorama attuale per questo tipo di intrattenimento in Italia. Ne discuteranno Aurelio Rota del Forum Nuovi CirchiPaolo Stratta, presidente dell’Associazione Circo Contemporaneo Italia e Francesco Sgrò, artista della compagnia Fabbrica C, tra gli autori del report.

Nonostante le restrizioni dovute al Covid-19, non mancheranno le presenze internazionali, grazie ad un collegamento con il trust di circo sociale kenyano Sarakasi e con la compagnia di teatro-circo colombiana Axioma, entrambe partner di Youth Acrobata World, percorso di avviamento al lavoro per operatori culturali del live entertainment sostenuto dalla Commissione Europea.

Sempre nel rispetto delle norme di sicurezza, sono previste anche delle performance dal vivo: quella dellaPiccola Scuola di Circo di Milano, quella dei Pronto Intervento Clown di Maurizio Accattato e quella dei Black Blues Brothers, cinque acrobati reduci da un tour di oltre 600 date che li ha portati in tutta Europa oltre che in Australia ed Emirati Arabi e che andranno in scena col loro adrenalinico show dal 30 dicembre al 3 gennaio al Teatro Carcano di Milano.

Il laboratorio è aperto a tutti gli studenti dell’Università degli Studi di Milano e a chi vuole approfondire l’industria dello spettacolo dal vivo. Le pre-iscrizioni si effettuano scrivendo a [email protected] contattando il numero 334/6503872. Per informazioni www.opencircus.it.