Dopo le nazionali fari puntati sul derby Inter-Milan: pronostici ed incognite

379

La grande partenza del Milan di Pioli in campionato ha fatto ricredere gli scommettitori sportivi. I rossoneri da molti sono ritenuti una squadra da sesto posto in giù, ma ad oggi svettano a punteggio pieno e si presenteranno nel derby di Milano da capolista. L’Inter di Conte, invece, per effetto del pareggio con la Lazio, è seconda in ritardo di 2 punti rispetto ai cugini.

Secondo Eurobet la sfida si presenta aperta ed accesa. Eurobet è una delle più importanti aziende di bookmaker in Italia e quindi un’autorità tra gli scommettitori sportivi. Basta cercare sul web alla voce Eurobet recensione per comprendere quanto si autorevole come bookmaker. Del resto, scommettitori a parte, tutti i tifosi di Milano sanno quanto sia importante il derby. Può succedere davvero di tutto in una stracittadina che negli anni passati decideva perfino le sorti dello scudetto. Adesso il Milan non è più quello degli anni gloriosi dell’era Berlusconi, ma è pur sempre un grande club e i suoi giocatori si esaltano di fronte a sfide come la stracittadina. Il derby della Madonnina arriva molto presto in questa stagione, ma è molto importante per entrambe. Pioli vuole puntare alla prossima lista Champions, invece Conte vuole riprovare a vincere lo scudetto. Lo scorso anno i nerazzurri si sono fermati ad un punto dalla Juventus. L’obiettivo dichiarato di questa stagione è arrivare davanti a tutti e riportare il tricolore a Milano sponda nerezzurra.

Nel calcio attuale oltre alla condizione dei giocatori, ai top player a disposizione, putroppo c’è una variabile impazzita che si chiama Covid. L’Inter ha registrato le positività di Radja Nainggolan e Roberto Gagliardini. Lo ha confermato la società. Il contagio è stato accertato in seguito all’ultimo giro di tamponi effettuato, e segue quello di Alessandro Bastoni e Milan Skriniar, portando a quattro il numero dei giocatori dell’Inter positivi. Pioli invece deve fare i conti con Zlatan Ibrahimovic e Leo Duarte che non si sono ancora negativizzati. Fari puntati soprattutto su Ibra. Lo svedese è risultato positivo il 24 settembre, Duarte il giorno precedente. Per avere il via libera e giocare il derby in programma sabato 17 alle ore 18, sono necessari almeno due tamponi negativi. A Milanello c’è tanta preoccupazione. Il resto della squadra nelle scorse ore ha ricevuto l’esito degli ultimi test, tutti negativi. Quindi allenamenti regolari.

Se per il Diavolo la questione riguarda il suo uomo simbolo e trascinatore, ad Appiano i campanelli d’allarme riguardano la difesa. Bastoni è rientrato dal ritiro dell’U21 dove ha avuto il responso del tampone. Sulle stories di Instagram ha ringraziato i tifosi per i messaggi e ha rassicurato tutti. “Sto bene e sono in isolamento. Ci vediamo presto a San Siro, un abbraccio”. Invece Skriniar è in ritiro con la Nazionale slovacca e, in base al protocollo, deve sottoporsi a un secondo tampone. Il problema ruota attorno ai tempi. Nove giorni potrebbero non bastare per il recupero. Antonio Conte comunque ha alternative in difesa, diverso il caso Milan che non ha un uomo in avanti di pari forza di Ibra. Una volta ottenuto il via libera, i sei calciatori dovranno riprendere gli allenamenti con il gruppo. Le difficoltà maggiori riguardano, su questo fronte, i due rossoneri, ai box da due settimane.