Nubifragio a Vibo Valentia e provincia: frane e smottamenti

444

Terremoto, covid-19 e anche nubifragio. Vibo Valentia non si fa mancare davvero nulla. Un nubifragio si è abbattuto nel Vibonese facendo diventare strade come torrenti, canali di scolo e corsi d’acqua ingrossati. Si registrano frane e smottamenti.

Una lunedì sera da incubi con diversi alberi caduti nella città capoluogo, su viale della Pace e viale Affaccio, Sant’Onofrio e Piscopio. Sono state decine le telefonate ricevute dai Vigili del Fuoco.

A Nicotera, in località San Pietro, ai margini della Statale 18 e del bivio che divide il territorio vibonese da quello reggino, un ampio tratto di strada è rimasto allagato. Il vicino corso d’acqua si è ingrossato a dismisura trascinando con se vegetazione e detriti.

Danni e disagi in tutta la provincia

Su litorale, a Briatico, le strade si sono trasformate in torrenti di fango e detriti. A Potenzoni l’acqua ha raggiunto anche i 25 centimetri. La strada che collega Briatico a Zungri è andata allagata.

Fogna in strada nella Marina di Vibo Valentia

Strade trasformate in fiumi in piena in via Parodi, via Longobardi a Vibo Marina. La fogna si è riversata in strada. Acqua mista a fango. Notevoli i disagi.

Danneggiato anche lo stabilimento dell’industriale del tonno Pippo Callipo a Maierato. Notevoli i danni nello stabilimento della Giacinto Callipo Conserve alimentari Spa, dove si produce il Tonno Callipo. La strada d’accesso che conduce al sito produttivo e il piazzale sono invasi da fango e detriti che hanno travolto anche delle auto parcheggiate.