Prepariamo il giardino per la primavera, ecco come prendersene cura senza sbagliare

381

Per molte persone, la primavera è la stagione più attesa perché sancisce la fine dell’inverno, portandosi dietro con sé lunghe giornate calde e soleggiate che, chi ha un giardino, non può non apprezzare. Infatti, con l’arrivo delle belle giornate si inizia a pensare anche alla cura e alla manutenzione del proprio spazio verde. Il tuo giardino è pieno di erbacee, di foglie e di piante secche? L’erba del prato non è in buona salute ed è troppo lunga? Non preoccuparti, segui questi consigli e otterrai un ottimo risultato.

Inizia a pulire il giardino

Se vuoi piantare nuove piante e fuori e vuoi rinnovare l’aspetto del tuo giardino, devi iniziare a pulirlo e liberarlo da erbacce e piante e foglie secche. Dovrai armarti di guanti, cesoie, rastrelli e rimuovere tutto: rami secchi e rotti, foglie morte, teli e tessuti non più funzionali. I nuovi germogli avranno bisogno di spazio e aria. Anche le piante del tuo giardino hanno bisogno di pulizia, per cui dovrai potarle iniziando dalle piante da fiore che fanno i boccioli sui rami come le rose e le siepi da bordatura.

Cura il prato del giardino

Un bel giardino ha bisogno anche della cura del prato. Se desideri avere un prato all’inglese dovrai armarti di pazienza e di voglia di fare. Devi dedicarti al taglio dell’erba che, in primavera, può essere tagliata anche un po’ più corta, di 2-3 cm, mentre in estate, deve restare un po’ più lunga in modo da ridurre il rischio che non resista al caldo e alla siccità. Per facilitare il lavoro di taglio è possibile usare i robot tagliaerba come quelli suggeriti da RobotTagliaErbaTop.it, questi lavorano autonomamente tagliando il prato e permettono di ottenere un risultato professionale, in poco tempo e con il minimo sforzo.

Semina nuove piante e nuovi fiori

Dopo aver pulito e curato due aspetti fondamentali del giardino, puoi passare a seminare nuove piante e fiori. Scegli quelle che preferisci e seminale in piena terra o in semenzaio; nel periodo febbraio-marzo c’è una vasta scelta di fiori: primula, dalia, garofani, bocca di leone, calendula, petunie, viole. Se vivi in un appartamento, oppure, hai delle piante all’interno, la primavera è il periodo migliore per fare il rinvaso. Il procedimento di rinvaso è facile, devi scegliere vasi di dimensioni maggiori rispetto a quelli in cui si trovano le piante al momento dello spostamento. Riempili di concime nutritivo per dargli forza ed energia al momento del rinvaso.

Irrigazione

Dopo aver ripulito il giardino, seminato le piante e i fiori nuovi e tagliato il prato, dovrai procedere con l’irrigazione. Ti consigliamo di farla al mattino al tramonto in modo che l’acqua non evapori subito e che abbia il tempo di penetrare nelle radici delle piante. Durante la primavera la frequenza dell’irrigazione del prato e delle piante, tenendo conto anche della frequenza delle piogge, è di una volta ogni 2-3 giorni, mentre in estate, quando le temperature sono più calde e il sole più forte, è consigliato farlo ogni giorno.