È morta Lucia Bosé: Lucia Borloni era nata a Milano il 28 gennaio 1931

306

È stata eletta Miss Italia del 1947. La “ragazza di piazza di Spagna”, moglie del torero Dominguin, madre di Miguel che scelse il cognome della mamma per la sua carriera di cantante, è morta.  Lucia Bosé ci ha lasciati ad 89 anni per una polmonite, una vita dedicata allo spettacolo, al cinema sotto la direzione di registi come Antonioni, Fellini, Emmer, i fratelli Taviani. L’annuncio arriva dal figlio che scrive “è già nel migliore dei posti”. Insieme a Sophia Loren, Gina Lollobrigida si conquistò l’etichetta di “maggiorata”. L’inizio per Lucia Bosé è grazie a Luchino Visconti che la scopre dietro il bancone di una pasticceria. Lontani infatti erano per Lucia Borloni nata a Milano il 28 gennaio 1931, i sogni del cinema. Nata come semplice commessa, a sedici anni è una ragazza che non passa inosservata, ma è l’incontro con il grande maestro e la vittoria a Miss Italia nel ’47 a Stresa, nella sua stessa edizione c’erano anche Gianna Maria Canale, Gina Lollobrigida, Silvana Mangano e Eleonora Rossi Drago, a traghettarla nel mondo dello spettacolo. Il debutto sul grande schermo avviene nel ’50, con Non c’è pace tra gli ulivi di Giuseppe De Santis, in cui vestiva i panni di una pastorella ciociara, affiancata da Raf Vallone e Folco Lulli. Sarebbe potuta essere anche la mondina di Riso amaro ma la famiglia si era opposta dopo che lei aveva superato il provino. I genitori erano persone semplici e di vedute piuttosto strette, la fotografia a Miss Italia era stata inviata a sua insaputa, quando la sua immagine era stata pubblicata sulla rivista Tempo i suoi si erano infuriati, ma poi di fronte all’occasione di andare a Stresa avevano accettato. Del 1950 è anche il debutto di Michelangelo Antonioni che la volle protagonista nel suo Cronaca di un amore accanto a Massimo Girotti, seguito tre anni dopo da La signora senza camelie. A questi film più autoriali seguono le commedie rosa di Luciano Emmer (Parigi è sempre Parigi, Le ragazze di piazza di Spagna) e poi la serie di film comico-farseschi con Walter Chiari, altro suo grande amore prima del matrimonio col torero spagnolo che la porterà nel ’56 a un ritiro temporaneo dalle scene, non prima però di avere partecipato a Gli sbandati di Francesco Maselli, menzione d’onore alla Mostra del cinema di Venezia, dove è la giovane operaia Lucia che si innamora del figlio di una contessa sfollati per i bombardamenti del ’43. Dopo il divorzio col torero (legato ai tradimenti del marito), con cui ha avuto tre figli (oltre a Miguel anche Lucia e Paola), l’attrice torna sulle scene. Tra Spagna (dove ha vissuto negli ultimi anni), Francia e Italia. Lavora con Fellini (Satyricon), i Taviani (Sotto il segno dello scorpione), Marguerite Duras (Nathalie Granger), Francesco Rosi (Cronaca di una morte annunciata), Roberto Faenza (I viceré), Ferzan Ozpetek (Harem Suaré). Negli ultimi anni un’apparizione come Donna Isabella nella serie Capri e un ultimo film, Alfonsina y el mar, secondo lungometraggio del duo Pablo Benedetti e Davide Sordella, storia della scrittrice Alfonsina Storni, intellettuale argentina di origini italiane che, di fronte a un male incurabile, scelse di morire suicida nel Mar de la Plata. Tra le prime reazioni nel mondo dello spettacolo il messaggio di Ozpetek “Lucia amata adorata”. Nel 2000 era riuscita ad aprire il primo museo dedicato agli angeli al mondo, nella cittadina di Turégano, vicino Segovia. Il museo, dedicato alle rappresentazioni degli angeli, vanta più di ottanta opere di artisti contemporanei di diversi Paesi, oltre a varie sculture angeliche. L’ultima apparizione in Italia è stata lo scorso autunno alla Festa di Roma dove l’attrice è venuta ospite per presentare la sua biografia scritta da Roberto Liberatori.