Milan. Paolo e Daniel Maldini positivi al coronavirus

313

Anche Paolo e Daniel Maldini sono stati contagiati dal covid-19. Il Milan ha comunicato la positività al coronavirus del direttore dell’area tecnica Paolo Maldini e del figlio Daniel, attaccante della Primavera rossonera. “AC Milan comunica che il Direttore dell’Area Tecnica del Club Paolo Maldini, venuto a conoscenza di aver avuto un contatto con una persona positiva e avendo in corso sintomi da virosi, è stato sottoposto a tampone che è risultato positivo al Coronavirus. Allo stesso modo il figlio Daniel, attaccante della Primavera rossonera aggregato alla Prima Squadra”. Nella nota stampa è stato poi precisato come le condizioni fisiche di entrambi siano buone e che padre e figlio stanno osservando il periodo di quarantena in maniera rigorosa. “Paolo e Daniel sono in buone condizioni e, dopo aver già trascorso oltre due settimane nella propria abitazione senza contatti esterni, come previsto dai protocolli medico-sanitari prolungheranno la quarantena per i tempi necessari alla completa guarigione clinica”. La Serie A sta continuando a registrare casi di positività al covid-19 con Daniel Maldini che in questa stagione è stato spesse volte aggregato alla prima squadra, ha fatto il suo esordio nel massimo campionato italiano e può essere dunque considerato a tutti gli effetti il quattordicesimo caso in Serie A dopo Daniele Rugani, Blaise Matuidi e Paulo Dybala della Juventus, Antonino La Gumina, Bartosz Bereszynski, Fabio Depaoli, Manolo Gabbiadini, Morten Thorsby e Albin Ekdal della Sampdoria, Patrick Cutrone, Dusan Vlahovic e German Pezzella della Fiorentina e Mattia Zaccagni dell’Hellas Verona. Non solo, perché sono risultati positivi al coronavirus anche il medico sociale della Sampdoria, Oriana Sabatini la fidanzata dell’attaccante della Juventus Dybala e appunto il direttore dell’area tecnica del Milan Paolo Maldini. Però potrebbero sorgere nuove positività dato che il periodo di incubazione del virus arriva fino a quattordici giorni. La Serie A sarà ancora ferma fino almeno al 3 aprile e con ogni probabilità riprenderà nel mese di maggio per poi terminare tra fine giugno e metà luglio. Sempre covid-19 permettendo dato che la ripresa o meno dell’attività sportiva dipenderà da come la pandemia sarà tenuta sotto controllo da qui alle prossime due-tre settimane.