Crotone, chiuso al transito pedonale il lungomare cittadino e via Vittorio Veneto in precedenza chiuse altre zone

222

Non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire quando è necessario attenersi a ceri obblighi per l’incolumità fisica dei cittadini. Il primo intervento per evitare al coronavirus di colpire è non uscire di casa. Quando è strettamente necessario farlo proteggersi con mascherina e guanti e non stare insieme ad altri a stretto contatto. Purtroppo c’è sempre chi, per fortuna in minima parte, non si attiene alle disposizione e continua a circolare per le vie di Crotone con la scusa di fare sport. Di fronte a ciò è stata chiusa ai pedoni anche via Vittorio Veneto nel tratto dall’incrocio tra via Roma e piazza Pitagora. Con propria ordinanza il Commissario Straordinario Tiziana Costantino ha disposto il divieto di percorre a piedi il lungomare nel tratto compreso tra l’incrocio di via Piroso e piazza Marinai d’Italia fino all’incrocio con via Poseidonia fino al 25 marzo salvo la possibilità di prolungare i tempi se le esigenze lo imponessero. Si rende necessario ribadire e rafforzare la portata delle limitazioni agli spostamenti già disposte facendo espresso divieto dispostamenti non giustificati all’interno del territorio comunale con particolare riferimento alle aree maggiormente frequentate dal passeggio pubblico. Per motivi contigibili ed urgenti con decorrenza immediata e fino al 25 marzo è ordinato il divieto assoluto di passeggio pubblico o di altra attività non rientrante negli spostamenti per ragioni di lavoro, di salute o di necessità e di rientro presso la propria abitazione consentiti dai Decreti Presidenza del Consiglio dei Ministri 8 e 11 marzo 2020 sul lungomare cittadino nel tratto compreso tra l’incrocio di via Piroso e piazza Marinai d’Italia (lungomare Cristoforo Colombo, viale Gramsci, viale Magna Grecia) fino all’incrocio con via Poseidonia. Stessa prescrizione per via Vittorio Veneto nel tratto indicato. Nei giorni scorsi erano già stati chiusi parchi cittadini come la villa Comunale e il parco Pitagora.