Bolzano. Celiaci: Provincia digitalizza l’erogazione di prodotti senza glutine

241

Nel corso della sua recente seduta la Giunta provinciale ha approvato la relativa delibera. Si tratta, in sostanza, di un progetto interregionale per il riuso in Alto Adige del software “[email protected]” sviluppato dalla Regione Lombardia. Con la delibera il presidente Arno Kompatscher viene autorizzato a firmare la rispettiva convenzione e vengono messi a disposizione i finanziamenti necessari.

Un software che semplificherà le procedure

Attualmente i prodotti senza glutine vengono distribuiti alle persone con la diagnosi di celiachia dietro presentazione di “buoni” cartacei, una procedura ormai considerata obsoleta e complessa per tutti gli interessati. Il principale vantaggio della digitalizzazione sarà la notevole semplificazione tanto per gli utenti quanto per i commercianti e per chi si occupa del controllo e dei rimborsi (Azienda sanitaria). “Il nostro obiettivo – afferma l’assessore Thomas Widmann – era quello di digitalizzare la procedura entro l’anno. Per accelerare questo processo abbiamo deciso di non sviluppare un software ad hoc, bensì di utilizzare quello in uso nella Regione Lombardia che è quello che risponde meglio alle nostre esigenze”. La decisione è stata adottata anche in base ai pareri positivi espressi in merito all’efficienza del software da parte di Federfarma, Assofarm, dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige e dell’Associazione italiana celiaci – Alto Adige (AIC).

Uno strumento molto diffuso ed affidabile

Va sottolineato che il sistema lombardo è già in uso in altre 5 regioni del centro-nord, rispettivamente Veneto, Piemonte, Liguria, Lazio, Toscana ed attualmente viene già utilizzato da 34.500 pazienti. L’adozione di un software già in uso è una soluzione conveniente anche sotto il profilo economico rispetto allo sviluppo ex novo di un prodotto analogo.