Approfondimento su girone Nations League

249

In un clima particolarmente complicato e caotico per via dei rinvii delle partite causa emergenza sanitaria, è difficile riuscire a pensare ad altro, ma c’è una notizia che sicuramente raccoglie un po’ di interesse in un momento tanto complicato. Stiamo parlando dei gironi della prossima edizione della UEFA Nations League, che sono stati ufficializzati. Un torneo dedicato alle nazionali europee che è nato con l’intento di prendere il posto di tutte quelle amichevoli che venivano organizzate nel bel mezzo dell’anno. I sorteggi si sono tenuti in Olanda, ad Amsterdam e la Nazionale di Roberto Mancini potrebbe anche essere considerata come una delle favorite, anche se per i bookmakers Spagna, Francia, Belgio e Germania hanno una marcia in più. Piazzare una puntata è, ormai, decisamente facile, dal momento che l’accesso alle varie piattaforme di gambling online è semplicissimo. Interessante notare come non solo le scommesse abbiano catturato l’attenzione degli appassionati nel corso degli ultimi anni, ma anche giochi come ad esempio il blackjack oppure la roulette Casino777. Proprio la roulette è uno dei giochi d’azzardo che stanno crescendo sempre di più nel corso dell’ultimo periodo, anche in virtù della diffusione della modalità di gioco

L’Italia inserita nel gruppo 1 della Lega A

Ebbene, gli azzurri sono stati inseriti nel gruppo 1 della Lega A, insieme ad Olanda, Bosnia e Polonia, il Gruppo 2 è formato da Inghilterra, Belgio, Danimarca e Islanda, mentre il gruppo 3 è composto da Francia, Portogallo, Svezia e Croazia e, infine, il gruppo 4 è formato da Spagna, Svizzera, Germania e Ucraina. Possiamo certamente sottolineare come l’urna di Amsterdam sia stata particolarmente clemente con l’Italia, soprattutto in virtù del fatto che gli azzurri hanno solamente una pretendente di alto livello con cui dovranno verosimilmente vedersela per il primo posto nel girone, ovvero l’Olanda. Bosnia Erzegovina e Polonia, invece, non possono rappresentare affatto un pericolo. Gli azzurri, infatti, hanno già ampiamente dimostrato di poter domare la Bosnia senza troppi problemi, come hanno fatto nel girone legato alle qualificazioni agli Europei 2020. La Polonia non può rappresentare un pericolo per gli uomini guidata in panchina da Roberto Mancini, se anche se Lewandowski, da solo, è un pericolo da non sottovalutare affatto. Il percorso prenderà il via venerdì 4 settembre con lo scontro tra Italia e Bosnia Erzegovina, mentre tre giorni dopo l’Italia farà visita all’Olanda. Nella terza giornata, che si disputerà l’8 ottobre, impegno in trasferta contro la Polonia per gli azzurri che, tre giorni dopo, dovranno sfidare nuovamente la Nazionale Orange. Ultimi due turni che sono stati programmati per novembre: sabato 14 ci sarà la sfida casalinga contro la Polonia, mentre l’Italia chiuderà in casa della Bosnia Erzegovina.

Le parole di Mancini e Vialli sul sorteggio

Chi vincerà ciascun girone prenderà parte alla fase finale di UEFA Nations League a giugno del prossimo anno. Anche Roberto Mancini, in seguito al sorteggio, ha voluto commentare il gruppo 1 della Lega A, mettendo in evidenza come, in ogni caso, si tratti di avversari di alto rango, ma chiaramente sarà possibile avere una visione più completa in seguito all’Europeo. Infatti, capita spesso e volentieri che, durante la stagione estiva, qualche Federazione decida di cambiare e sostituire anche l’allenatore, quindi adesso è davvero difficile fare qualsiasi tipologia di valutazione. Secondo l’ex calciatore di Sampdoria e Lazio, la prima cosa da fare, ora, è pensare all’Europeo, e solamente dopo alla Nations League. Quest’ultima sarà una competizione in cui chiaramente conterà vincere, ma non sarà l’unico obiettivo, dato che potrà essere una vetrina utile per lanciare qualche giovane di belle speranze e fargli fare esperienza in campo internazionale. Anche Gianluca Vialli si è espresso sul sorteggio, mettendo in evidenza quanto sia complesso dare una valutazione circa lo spessore tecnico delle squadre sorteggiate nel gruppo dell’Italia. In ogni caso, la maglia azzurra dovrà essere rispettata anche in questa competizione: si possono fare esperimenti, ma si scende in campo sempre per vincere.