Farmaco per la diarrea: quale utilizzare contro gli sgradevoli sintomi?

Quale farmaco per la diarrea può contribuire a ristabilire il nostro intestino alterato? Non è certo facile gestire questo sgradevole disturbo senza imbarazzo. Niente paura, però: arginare la sgradevole sintomatologia della diarrea è possibile. Vediamo insieme in che modo.

Attacchi di diarrea? Ecco le caratteristiche di questo disturbo

Non è infrequente essere colti da questo fastidioso problema intestinale. Si tratta di una condizione disagevole, che può fiaccare la nostra fisiologica energia e mandare all’aria i nostri impegni quotidiani. La diarrea è un’alterazione della normale evacuazione ed è caratterizzata da:

  • Emissione repentina di feci liquide o semiliquide.

  • Almeno tre evacuazioni al giorno.

La diarrea non è di per sé una malattia, ma un sintomo comune a varie, altre condizioni. Possiamo individuare due tipi di diarrea:

  • Diarrea acuta. Di solito è provocata da batteri, virus, parassiti o infezioni. Le forme acute sono caratterizzate da numerosi attacchi concentrati in pochi giorni. Un tipico esempio di diarrea acuta? La gastroenterite virale o influenza intestinale, che talvolta porta con sé anche vomito e febbre.

  • Diarrea cronica. È riconducibile a disturbi funzionali, come ad esempio la sindrome del colon irritabile o malattie infiammatorie intestinali, come il morbo di Crohn. Nelle forme croniche la diarrea continua a manifestarsi anche per mesi.

Ristabiliamo il nostro intestino con i fermenti lattici

In caso di diarrea non è prevista una terapia farmacologica, a meno che il nostro medico non decida in questo senso, se oltre alla diarrea sono presenti altri sintomi. In caso di diarrea lo scopo sarà ristabilire il nostro equilibrio intestinale alterato e indebolito. A tal proposito, possono rivelarsi utili i fermenti lattici. Si tratta di batteri buoni, in grado di rigenerare la fisiologica microflora e rafforzare la barriera intestinale contro l’azione dei patogeni.

I probiotici esercitano funzioni importanti per il nostro organismo:

  • Inibiscono l’azione dannosa dei microrganismi patogeni;

  • Contribuiscono a rafforzare la barriera intestinale, producendo sostanze antimicrobiche naturali;

  • Stimolano il sistema immunitario;

  • Esercitano un’azione antinfiammatoria sulle pareti intestinali.

Per promuovere il fisiologico benessere intestinale possiamo provare Yovis. È un medicinale di automedicazione a base di fermenti lattici vivi liofilizzati. La sua azione probiotica è utile per contrastare i batteri cattivi e rigenerare la fisiologica microflora intestinale. Con i suoi microrganismi, Yovis sostituisce la flora patogena, ripristinando il naturale equilibrio del nostro intestino.

Se abbiamo la diarrea, non dimentichiamo di correggere la nostra dieta, per reintegrare liquidi e sali minerali persi con le abbondanti evacuazioni:

  • Beviamo acqua, almeno 1, 5 litri al giorno per reidratarci. Andranno bene anche tè poco zuccherato, dalla leggera aziona astringente, e camomilla poco zuccherata. Assumere liquidi è fondamentale per prevenire il rischio di disidratazione.

  • Evitiamo alimenti ad azione irritante e lassativa, come ad esempio caffè, alcolici, prodotti lattiero- caseari e prodotti alimentari grassi o ad alto contenuto di zuccheri. Questi alimenti non farebbero che acuire l’infiammazione locale, accelerando i movimenti intestinali e provocando diarrea.

  • Sospendiamo temporaneamente l’assunzione di fibre: riduciamo l’apporto di legumi, frutta e ortaggi crudi. Meglio verdure lessate e frutta privata della buccia (ricca di fibre) e ridotta in purea.

  • Preferiamo alimenti costipanti e remineralizzanti, come banane, riso e pasta in bianco, patate lesse, carne bianca. Si tratta di alimenti leggeri, digeribili, nutrienti, utili a rimettere in sesto il nostro organismo indebolito, senza però sollecitare i movimenti intestinali.

Questi suggerimenti sono orientativi. Se desideriamo ulteriori indicazioni possiamo rivolgerci al nostro medico di fiducia.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin