Serie BKT 18esima giornata continua il buon momento del Crotone anche in trasferta. Primo gol stagionale del difensore Mazzotta e raddoppio di Marrone

Frosinone    1

Crotone        2

Marcatori: Mazzotta 24°, Paganini 44°, Marrone 92°

Frosinone (3-1-4-2): Bardi, Brighenti, Airaudo, Krajnc, Maiello (Citro), Zampano, Haas, Paganini, Gori, Dionisi, Ciano (Trotta). All. Nesta

Crotone (3-5-2): Cordaz, Golemic, Marrone, Cuomo, Mustacchio (Rutten), Messias, Barberis, Molina, Mazzotta, Vido (Gomelt), Simy. All. Stroppa

Arbitro: Davide Ghersini di Genova

Assistenti: Sechi – Di Gioia

Quarto giudice a bordo campo: Luca Massimi di Termoli

Ammoniti: Simy 33°, Krajnc, Brighenti

Angoli: 5 a 5

Recupero: 1 e 4 minuti

Temperatura primaverile e la giornata festiva, hanno richiamato allo stadio il pubblico delle grandi occasioni.

Avvio delle ostilità da parte del Crotone con la forza della squadra che vuole imporre il proprio gioco.

Al sesto minuto l’attaccante Vido, dopo l’assist di Molina, con un perfetto colpo di testa manda il pallone a sfiorare il palo alla destra di Bardi. Due minuti dopo è Barberis ad impegnare il portiere ad una difficile respinta del pallone in angolo.

Breek a favore del Frosinone al minuto quattordici con Haas che manda il pallone a colpire il palo basso. Vantaggio del  Crotone al minuto ventitre con Mazzotta che concretizza in rete una triangolazione con Mustacchio e Barberis (primo gol stagionale del pitagorico). Gestisce bene il rimanente tempo il Crotone, ma come da copione, una distrazione difensiva al minuto quarantaquattro  consente a Paganini di pareggiare. Il Frosinone cerca il successo ed al  minuto sessantotto potrebbe ottenerlo se Cordaz non avesse impedito al pallone calciato da breve distanza da Dionisio d’insaccarsi. La stanchezza incomincia a farsi sentire ed è il momento dei cambi. Nel Crotone fuori l’infortunato Vido e Mustacchio per Gomelt e Rutten. Per i locali fuori Ciano, dentro Trotta.

Il secondo gol degli ospiti arriva al novantaduesimo con Marrone che lo realizza di testa.

Quando la classifica obbliga a fare sempre punti per non sciupare ciò che di buono è stato fatto la precedente giornata, il Crotone si conferma anche in trasperta contro il forte Frosinone. I ciociari di mister Nesta dopo la precedente sconfitta subita a Benevento, un’altra battuta d’arresto non l’avrebbero voluta subire per non abdicare dal terzo posto.

La volontà dei locali non si è, però, conciliata con il desiderio dei pitagorici entrati in campo con la giusta determinazione per tornare al successo esterno dopo un’astinenza di molte giornate. Ultima vittoria fuori casa degli uomini di mister Stroppa alla sesta giornata contro il Pescara: doppietta di Benali e terzo gol ad opera di Crociata. In occasione dell’ultimo incontro ancora assenze forzate nel Crotone tra infortuni e squalifiche, un evento che si trascina da molte giornate creando disagi al tecnico pitagorico al momento di allestire la formazione. Contro il Frosinone l’emergenza ha riguardato in particolare il centrocampo a causa della squalifica di Crociata e l’indisponibilita’ di Nalini (elongazione al bicipite femorale coscia destra). Di fronte a ciò, l’undici iniziale pitagorico ha interessato Cordaz tra i pali; Cuomo, Marrone, Golemic (disponibile per fine squalifica), trio difensivo; Mustacchio e Mazzotta esterni; Barberis regista, Molina, Messias mezze ali; Vido insieme a Simy coppia d’attacco. Nesta ha lasciato a casa gli ex pitagorici, il difenore  Capuano e l’esterno Rohden. Le novità rispetto all’undici sconfitto a Benevento: Krajnc, Haas e l’altro ex l’attaccante Ciano. Con questi schieramenti, Frosinone vs Crotone di nuovo avversari in serie B dopo quattro campionati (2014/2015).

In quell’occasione pesante sconfitta (3-1) dei pitagorici contro una squadra che, grazie ai tre punti, è stata promossa in serie A con una giornata d’anticipo. Oggi pomeriggio sul terreno del Benito Stirpe ha gioito il Crotone del presidente Gianni Vrenna  che in classifica scavalca il Frosinone.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin