Camaiore. Incidente in moto: morto Dario D’Alessandro campione italiano di nuoto pinnato

232

Lutto nel mondo del nuoto italiano. A soli sedici anni, la notte di Natale, è morto Dario D’Alessandro, sbalzato dalla sella del suo scooter contro un muretto, in una delle strade di Capezzano Pianore, frazione di Camaiore in Versilia, in provincia di Lucca. Dario era campione italiano under 18 di nuoto pinnato. Dario D’Alessandro, mentre viaggiava lungo la via Sarzanese in sella ad una moto avrebbe prima urtato un’auto che procedeva nella stessa direzione e poi sarebbe finito contro un muretto. L’incidente è avvenuto in un tratto di strada rettilineo. Sul posto l’auto medica della Misericordia. E’ stata tentata una rianimazione, ma l’urto è stato violento e il giovane è morto sul colpo. Dario aveva passato la serata con gli amici poi era tornato a casa dai genitori, quando, la notte di Natale, ha detto che usciva a prendere le sigarette. Doveva essere una questione di pochi minuti. Ha preso lo scooter di suo padre e si è avviato. Al volante dell’auto che precedeva Dario D’Alessandro c’era un ventiduenne della zona che è stato sottoposto al test per droga e alcol ed è risultato negativo. Richiamato dal suono delle sirene, sul posto è subito arrivato il padre del giovane campione. Dario D’Alessandro era un talento del nuoto, aveva conquistato cinque titoli italiani under 18 ai campionati assoluti. Era iscritto al Kamasub Camaiore club per il quale gareggiava in varie specialità nella specialità: 50, 100 e 200 metri monopinna. Aveva fatto parte del team della nazionale per i mondiali juniores a Sharm el Sheik, in Egitto. Nella pagina Facebook del club si vedono le sue foto sul podio, con la maglia azzurra. Molti i messaggi di cordoglio, molti gli amici che lo ricordano. Appassionato di musica e di fumetti, frequentatore assiduo del Lucca Comics.