A poco a poco, te ne vai

221

Sei bellissima Vita, te l’ho mai detto? Ma si, che te l’ho detto, anche nella maniera più strana, come quando ti guardo a lungo e non ho più memoria, alla fine, sai… le parole a che servono? L’amore toglie il respiro, le parole. Vita, lo so di non essere perfetto, ma ai tuoi occhi lo vorrei essere, senza vergogna, essere così come sono; a volte ho paura di non essere capace di viverti, di non riuscire a cogliere i tuoi dettagli , ai tuoi occhi come un bambino con la paura di perderti. Dettagli che ricordo come quando tra le tue braccia mi fai morire. Tu non lasciarmi andare via, Tu resta, resta con me anche quando fuggo, raggiungimi, stringimi a te quando ho freddo, quando ho paura, quando non lo merito, resta! Conoscimi, impara a conoscermi come io conosco te! Vita, amami! Come io ho amato te, e ancora adesso più che mai in questo tempo in cui non mi trovo, non mi trovi; io ti amo sin dal mio primo respiro, mi sono innamorato di te e di quanto ho visto nei tuoi occhi. Vita, sei bellissima! Bellissima quando arrivi in un sorriso, in una cortesia, bellissima quando te ne vai, mentre io non vado da nessuna parte. Sei l’unica scelta che io abbia voluto fare … io ti amo! Ti amo col tempo che mi rubi, per le gioie mancate, per la felicità negata, per l’amore che ti ho donato mille volte nel frattempo di un’assenza! A poco a poco te ne vai! Ho imparato presto a camminare da solo, ho imparato a stare con te e ora lasciami il tempo di ritrovarti, di desiderarti ancora, di vivere, di esplorarti, conoscerti dentro con tutti i tuoi demoni, con tutte le miseri, ma anche la bellezza, le bellezze che mi dai quando ti respiro, ti modello con le mie mani, ti do lo stesso tempo mio, non correre, fermati e ascoltami. Rimani con me, resta con me, non per solitudine, non per avere qualcuno da accompagnare alla sua fine, perché noi finiremo assieme come una candela. Prendi le mie mani, prendiamoci per mano e andiamo, andiamo via da questo tempo, dalle certezze, dalle concretezze; lascia che mi presenti a te con le mani vuote di armi, con la mia esistenza, perché io e te esistiamo, esisteremo ovunque. Io ti ho amato anche nei tempi quando ero invisibile ai tuoi occhi, quando ti ho attesa, quando ho dimenticato di dirti che sei bella! Amarti è inevitabile, una cosa che non posso smettere di fare fino alla mia ultima boa. E ti amo anche quando vai via e mi si gela il cuore. Perché mi lasci morire invece di farmi vivere. Ci vuole coraggio per restare in questo assurdo, il coraggio di colui che capisce che sta perdendo tutto. Amo le mie notti passate a guardare il tuo letto trapuntato di stelle, a sentire la magia, la follia, la fantasia che in suscita quel desiderio di rimanerti accanto. Non ho più bisogno di capire, l’amore per te non si capisce, perché l’amore nonostante tutto è qualcosa, qualsiasi cosa che si anima e prende il volo, come lo sguardo, come un bacio,una carezza, un cenno, un sì. L’amore c’è anche quando non c’è! Ho capito di amarti quando stavo già amandoti ed era il mio primo respiro.