Ottobre da record per l’aeroporto Sant’Anna: notevole incremento (+82%) sul traffico passeggeri. On. Flora Sculco: lo scalo pitagorico si conferma una scommessa vincente

172

I cittadini crotonesi da troppi anni pagano pegno allo spostamento con il Nord Italia. I treni a lunga percorrenza sono un lontanissimo ricordo e non s’intravede a breve il ripristino per l’assenza dell’elettrificazione. L’unica soluzione per lunghi spostamenti la ripresa dell’attività dell’aeroporto Sant’Anna. La continua protesta del Comitato “Crotone Vuole Volare” affiancato da tutti i cittadini del territorio ha dato esito positivo. Gli aerei da e per il Sant’Anna (Bologna-Bergamo) un vero successo di passeggeri come ha dichiarato il consigliere regionale Flora Sculco. “I dati lo confermano – ha dichiarato Flora Sculco – l’aeroporto Sant’Anna deve continuare ad essere attivo! Nel mese di ottobre lo scalo pitagorico ha registrato un +82,7% sul traffico dei passeggeri ed un incremento dei movimenti del +103,7%, numeri da capogiro che non lasciano dubbi sulle potenzialità e sulla necessità che l’aeroporto continui ad essere operativo. Nel 2019 i passeggeri che hanno scelto Crotone sono stati 148.644 con una variazione del +106,8%, solo questi dati dovrebbero essere sufficienti a convincere, se ce ne dovessero ancora essere, gli scettici. Crotone è uno snodo importante per la Calabria e l’aeroporto pitagorico fa e dovrà continuare a fare la differenza nel sistema delle infrastrutture regionali. Siamo passati dalla sciagurata chiusura dello scalo alla riapertura e potenziamento, con voli anche esteri, e la previsione per il prossimo anno di un ulteriore incremento delle tratte”. I collegamenti attuali per Bergamo e Bologna, il volo operativo fino allo scorso mese per Norimberga, e la programmazione dello stesso per il prossimo anno a partire da marzo, la conclusione positiva della conferenza di servizi per il riconoscimento della continuità territoriale con conseguente aggiunta dei voli da e per Roma, Torino e Venezia. Se tutto questo avverrà, sarà il completamento di un lavoro all’indirizzo della collettività anche quella commerciale e turistica. La vicenda aeroporto conferma ancora una volta che i risultati si possono ottenere con l’impegno e la dedizione di tutti gli attori istituzionali e politici del territorio, ed in questo caso la sinergia tra la Regione Calabria, l’amministrazione comunale di Crotone, e anche, nonostante i momenti di critica e attrito che pure ci sono stati, con la rappresentanza parlamentare del territorio hanno consentito alla città di guardare al futuro con speranza.