Milano. Soggiorniamo: piattaforma informatica destinata agli host

Procede il percorso di facilitazione amministrativa intrapreso dalla Giunta. A Milano arriva Soggiorniamo, la piattaforma informatica dedicata ai gestori di strutture ricettive e destinata a migliorare la gestione dell’imposta di soggiorno. Il nuovo applicativo si è reso necessario visto il notevole aumento del numero di strutture in città e consentirà agli uffici comunali di monitorare meglio l’andamento degli incassi e delle dichiarazioni degli host.

“Si tratta di un passaggio importante per garantire maggiore trasparenza ed efficienza nella gestione della tassa di soggiorno – spiega l’assessore al Bilancio, Roberto Tasca –. L’aumento del numero delle strutture ricettive di Milano necessita di un nuovo sistema di riscossione della tassa di soggiorno e di controllo da parte del Comune. Allo stesso tempo si fornisce uno strumento utile agli host per facilitare la loro attività che stabilisce un rapporto di continuità con l’Ente per operare nella massima trasparenza”.

“Soggiorniamo” è una piattaforma ricca di funzionalità. I gestori di strutture ricettive possono avere a disposizione uno strumento di facile utilizzo per la gestione delle proprie attività, dimezzando i tempi di attesa.
Gli host potranno auto-registrarsi alla piattaforma e le credenziali di accesso non saranno più rilasciate dagli uffici, azzerando i tempi d’attesa. Inoltre la dichiarazione trimestrale che i gestori devono presentare obbligatoriamente, potrà essere inserita via pc e via tablet, attraverso semplici passaggi con controlli immediati e funzionali anche per chi gestisce più strutture.

Il sistema, collegato alle banche dati catastali, consentirà la geolocalizzazione delle strutture, agevolando i controlli della Polizia Locale. Sarà poi diretta la comunicazione tra l’ufficio e gli host, con una gestione delle news e delle comunicazioni che potrà essere personalizzata. I pagamenti avverranno tramite PagoPA e con il codice unico della prenotazione gli stessi saranno direttamente e automaticamente “abbinati” alla struttura, senza possibilità che si verifichino errori di imputazione o si verifichino pagamenti “orfani”. La registrazione in tempo reale dei versamenti e delle dichiarazioni consentirà agli uffici di individuare, in tempi brevi, comportamenti elusivi della tassa.

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin