Una donazione etica

209

L’atto della morte, è una consapevolezza con cui noi viviamo continuamente, al di là se sia una vita bellissima o con qualche sù e giù. La nostra vita, sebbene non se ne colga perfettamente il senso, ha un significato. Quest’ultimo potrebbe essere legato strettamente alla sopravvivenza della nostra specie. Ogni giorno tantissime persone donano il sangue, altre donano i propri capelli e altri ancora donano addirittura il midollo osseo. Azioni nobili interessano parte del genere umano, il quale si interessa alla vita del prossimo. La donazione degli organi dopo la morte, a tal proposito, diventa un atto di solidarietà enorme verso chi appartiene alla specie umana. Gli organi hanno prezzi elevatissimi e, donarli, costituisce il salvataggio di più vite. Ogni cittadino maggiorenne può esprimere la sua solidarietà e il suo consenso finalizzato alla donazione di organi e tessuti dopo la morte, mediante une della tante modalità. Scopriamole insieme.

La procedura iniziale

Uno dei metodi con cui fare richiesta per la donazione, è la compilazione del modulo presso la propria azienda sanitaria locale di appartenenza. Al contempo, gli uffici anagrafe dei comuni, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, richiedono al cittadino se è più o meno interessato alla donazione. Alternativamente, il ministero della salute o una delle dono card distribuite dalle associazioni del settore, saranno garanzia del vostro consenso, a patto che il tesserino blu compilato sia conservato con estrema attenzione. Un altro esempio potrebbe essere l’atto olografo delle associazioni italiane per la donazione di organi. Infine è possibile dichiarare le proprie volontà riportandole su un foglio bianco, comprensivo di data e firma: anche in questa casistica bisogna conservare la propria dichiarazione tra i documenti personali.

In Italia

Nel nostro paese la dichiarazione di volontà sulla donazione, non è assolutamente obbligatoria. Perdere un proprio caro è una scelta complessa e, se il defunto non ha espresso in vita le sue volontà, scegliere al suo posto non rientra nell’insieme della legge morale. Cattolica San Lorenzo ogni giorno incontra famiglie che passano i tragici momenti della morte: clicca qui se hai bisogno di un supporto nell’organizzazione di un evento di raccoglimento in onore di qualcuno che non c’è più. Oggi però non essere a conoscenza delle politiche di donazione è difficile, in quando le campagne informative promosse dal Ministero della Salute e dal centro Nazionale sono molto attive e invitano i cittadini a prendere una posizione in merito alla questione della donazione di organi e tessuto. Scegliere di fare un regalo alla nostra specie è un atto non solo di coscienza ma, soprattutto, di bontà.