Integratori Fatti in Casa – Occhio ai Rischi

Chi fa da sé… spesso rischia. Soprattutto quando si tratta di prodotti per la nostra salute, anche se dovessimo parlare di banali integratori che non dovrebbero avere, almeno sulla carta, nessun potenziale rischio avverso.

Non basta infatti leggere qui e li su internet per ritenersi un esperto di integratori e spesso i danni che si vanno a creare sono di gran lunga maggiori dei potenziali benefici che volevamo ottenere.

In soldoni: gli integratori sono una questione estremamente seria e non possiamo che consigliarti di leggere a fondo questa guida, che ti parlerà appunto di integratori fatti in casa e di alimenti che, almeno sulla carta, sarebbero in grado di dare benefici simili se non superiori a quelli degli integratori specificatamente realizzati.

Che vuol dire integratore fatto in casa?

Non è un mistero che oggi gli integratori migliori sulla piazza sono tutti o quasi di origine completamente naturale. Questo vuol dire che i principi attivi benefici che assumiamo tramite questi integratori sono principi attivi che derivano da piante e alimenti, che vengono estratti in laboratori specifici per essere poi concentrati negli integratori.

Da qui all’integratore fatto in casa il passo è breve: secondo alcuni – spesso senza alcuna concezione di alimentazione scientifica e biologia, basterebbe consumare alcuni alimenti per risolvere la questione.

In realtà ci sono diversi pericoli, che andremo ad analizzare uno per uno prima di comprendere insieme perché gli integratori fatti in casa non sono una buona idea.

Le dosi: sei sicuro di riuscire a regolarle?

Ammesso e concesso che l’integratore o il superfood che puoi assumere o addirittura mettere a punto da solo sia facilmente reperibile, sei sicuro di essere in grado di regolare le dosi? Sei sicuro di poter consumare a sufficienza un determinato prodotto per superare il tuo problema?

I rischi in questo caso sono due:

  1. Assumerne troppo poco e quindi non curare le tue deficienze o non avere alcun tipo di benefici dalla tua nuova dieta o dal tuo integratore fatto in casa;
  2. Assumerne troppo: il grosso delle sostanze hanno soglie di tolleranza molto alte, altre invece dovrebbero essere assunte con la massima precisione possibile.

In entrambi i casi ci sono rischi concreti che rendono subito ai nostri occhi il fai da te in questo ambito una pratica da evitare a tutti i costi.

Sei sicuro che sia quello di cui hai bisogno?

Purtroppo l’autodiagnosi, soprattutto se svolta senza alcun tipo di apparecchiatura medica o di misurazione e senza le conoscenze di un medico o di un nutrizionista è davvero molto pericolosa.

Sei sicuro che l’integratore che ti stai preparando in casa sia quello di cui hai davvero bisogno? Sei sicuro di avere un deficit? Sei sicuro che quello che andrai ad assumere sia effettivamente benefico?

Si tratta di un problema da eliminare alla radice: se non hai alcun tipo di conoscenza medica, scegliere da solo e magari fare in casa un integratore, non è una grandissima idea.

Serve sempre l’aiuto di uno specialista

Anche se sei un soggetto perfettamente in salute, prima di prendere integratori, anche se naturali, sempre meglio affidarsi al consulto di uno specialista. Che intendiamo dire? Intendiamo dire che anche per integratori molto semplici sarebbe sempre e ripetiamo sempre consigliato andare a farsi consigliare da chi ha conoscenze mediche e scientifiche.

Sicuro che valga la pena, quando sia i professionisti, sia gli integratori di qualità sono oggi davvero alla portata di tutti?

Per saperne di più, ti consigliamo di approfondire sui seguenti siti:

Ministero della Salute – Sezione Integratori: http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_5.jsp?area=Alimenti%20particolari%20e%20integratori&menu=integratori

Dove acquistare integratori alimentari: https://www.biolineintegratori.com/

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
0Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin